Taiwan: Pelosi e i guerrafondai “scherzano col fuoco”

Il 1° agosto la speaker della Camera dei Rappresentanti USA Nancy Pelosi ha iniziato un tour in Asia assieme a una delegazione di cinque altri membri del Congresso, allo scopo dichiarato di rafforzare l’alleanza anti-Cina. L’itinerario ufficiale comprende solo Singapore, Corea del Sud, Malesia e Giappone. Ma il 2 agosto, mentre la delegazione era in volo, da Taiwan è stato annunciato che la Pelosi raggiungerà Taipei dalla Malesia. Pechino ha già annunciato che considera questa una grave provocazione.
Nella conversazione telefonica con Joe Biden il 28 luglio, Xi Jinping aveva avvertito il presidente americano che “chi scherza col fuoco, di fuoco perirà”. L’avvertimento è stato ripetuto dal portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian il primo agosto. Lijian ha detto che una visita di Pelosi a Taiwan avrebbe “deliberatamente calpestato il principio di una sola Cina, fortemente minacciato la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan, gravemente minato i rapporti Cina-USA e condotto ad una situazione seria e a gravi conseguenze”.
Benché Biden abbia assicurato Xi che la sua amministrazione continua ad aderire alla politica di una sola Cina, la decisione di Pelosi di recarsi a Taipei contraddice il Presidente e abbassa la soglia del rischio. Durante il viaggio, il Dipartimento della Difesa USA è obbligato a garantire la sicurezza dello Speaker.
Il redattore dell’EIR Mike Billington ne ha parlato con l’ex ambasciatore Chas Freeman (foto), uno dei massimi esperti di Cina in America. Secondo Freeman, la visita della Pelosi “è un atto di estrema irresponsabilità. Invece che di aumentare la sicurezza di Taiwan, essa “probabilmente la danneggerà, la minaccerà e porterà ad un aumento delle tensioni nello Stretto di Taiwan. Nessuno sa ciò che faranno esattamente i cinesi. Hanno molte, molte opzioni: politiche, economiche e militari. È chiaro che la Speaker si è messa in una posizione in cui non poteva fare marcia indietro, ha messo Taiwan in una posizione in cui non può astenersi dall’accoglierla e il governo cinese in una posizione in cui non può non compiere un atto di escalation. La triste realtà è che la Casa Bianca e le forze armate a Washington vedono entrambe che questa visita danneggia, non aiuta. Ma la Casa Bianca non ha il coraggio di bloccare il viaggio di Pelosi”.
Riguardo a possibili paralleli tra le provocazioni su Ucraina e Taiwan, l’ex ambasciatore statunitense ha detto: “Credo che il tema dell’Ucraina e quello di Taiwan abbiano qualcosa in comune: la lezione principale da trarre da ciò che è avvenuto in Ucraina è che se ignori le obiezioni espresse con forza da una grande potenza alle tue azioni, lo fai a tuo rischio e pericolo e a rischio e pericolo di coloro che sostieni di voler proteggere. La Russia è stata provocata ad intervenire in Ucraina, il che non ne giustifica l’intervento. È ingiustificato, ma provocato. Esiste una possibilità simile nel caso di Taiwan.”
Tuttavia, Freeman non si aspetta che la leadership cinese agisca immediatamente, ma che faccia alcune richieste e userà la forza solo se sarà certa del successo.

Leggi l’intera intervista su https://larouchepub.com/pr/2022/20220801_amb_freeman.html