L’imminente vertice dell’Alleanza Atlantica (NATO), che si terrà a Varsavia dall’8 al 9 luglio, si presenta come un’ulteriore provocazione nei confronti della Russia. Con questa petizione i sottoscritti intendono dire un chiaro “no” a questa escalation nucleare prima che accada l’irreparabile!

L’ora è buia. Si prospetta una nuova crisi missilistica, immagine riflessa di quella che vide l’Unione Sovietica armare Cuba di testate nucleari, alle porte degli Stati Uniti. La differenza è che oggi le parti sono invertite. Mentre all’epoca la NATO era in conflitto con il Patto di Varsavia, oggi a Varsavia si tiene un suo pericoloso vertice!

I sottoscritti rilevano che stiamo subendo una politica provocatoria di “accerchiamento”:

1. L’ininterrotta espansione della NATO a Oriente, verso le frontiere della Russia, viola le contrarie garanzie offerte a Gorbaciov dalle potenze occidentali nel 1989.

2. Il dispiegamento dei sistemi difensivi antimissilistici detti “Aegis”, in Romania, in Polonia, in Turchia e in Spagna. Questi armamenti, dotati di lanciatori MK41, possono essere difensivi ma anche offensivi, per terra, per aria e per mare, con testate nucleari.

3. Il dispiegamento, permanente e a rotazione tra gli Stati baltici, la Polonia e la Romania, di quattro reggimenti di mille uomini ciascuno e di armamenti pesanti.

4. La creazione di un “Fronte Nordico” anti-russo, composto di un’alleanza di membri della NATO (Danimarca, Islanda e Norvegia) e di Stati elementi della “partnership per la pace” sotto l’ombrello della NATO (Svezia e Finlandia).

5. La modernizzazione delle armi nucleari, in particolare delle testate B-62-12 stazionate in Germania e dei missili Cruise Long Range Standoff (LRSO). Come ha dichiarato la Senatrice americana Dianne Feinstein: “questi presunti miglioramenti dei sistemi d’arma sono concepiti per combattere una guerra nucleare limitata e vincerla”.

Al fine di sventare tale minaccia, esigiamo:

1. Che il Governo adotti al prossimo vertice di Varsavia una politica della “sedia vuota”, ovvero che lo boicotti.

2. Che il Governo annunci la propria intenzione di lasciare l’Alleanza Atlantica poiché essa è ormai priva di qualunque raison d’être.

Vogliamo sottrarci al “conto alla rovescia” verso il conflitto nucleare: pertanto chiediamo anche al nostro governo che senza indugio e ritardi si adoperi per creare una nuova architettura globale di rapporti internazionali per la pace e per la sicurezza, fondata sul principio del mutuo sviluppo, ovvero sulla cooperazione “win-win” proposta dai Paesi BRICS, a cui Europa e Stati Uniti hanno tutto l’interesse a partecipare.

I grandi sforzi bellici profusi in tutto il XX secolo devono oggi avere un eguale nella mobilitazione per la pace e per il mutuo sviluppo economico!

Per manifestare

Volantino adatto alla stampa B/N | Volantino adatto alla stampa a colori | Manifesto per la stampa a colori, formato 70cm x 100cm

Moduli per firmare

In attesa dell’attivazione di un modulo su questa pagina, vi invitiamo a firmare tramite i moduli delle nostre associazioni americana o francese, che avranno cura di trasferire a noi i vostri dati.

americano
LaRouche PAC
francese
Solidarité et Progrès

Nelle altre lingue

americano inglese – EN > The Warsaw Summit Prepares for War, It’s Time to Leave NATO Now!

francese – FR > À Varsovie ils préparent la guerre. Sortons de l’OTAN!

tedesco – DE > Aufruf: NATO-Gipfel in Warschau bereitet Krieg vor – Höchste Zeit, aus der NATO auszutreten!

appello_no_ww3