Un progetto Apollo per la sanità mondiale: parte II: quando scoppiano le epidemie?

“Il caso ‘ideale’ in cui le economie devono essere esaminate per l’eruzione di pandemie determinata economicamente, è il caso in cui la densità demografica relativa potenziale scende al di sotto del livello della popolazione esistente … [ovvero] il caso in cui il consumo medio è determinato da un calo della densità demografica relativa potenziale, al di sotto del livello delle esigenze della popolazione esistente”.
Ma esiste anche il caso, sottolinea LaRouche, in cui “i tassi differenziali di distribuzione del ‘paniere di beni’ delle famiglie scendono al di sotto del livello di ‘energia del sistema’ per gran parte della popolazione. Ci preoccupiamo maggiormente degli effetti sulla salute, in quanto il rendimento nutrizionale pro capite scende al di sotto di un minimo biologico relativo, e anche dell’effetto del collasso dei servizi igienico-sanitari e di altri aspetti rilevanti delle infrastrutture economiche di base sulle condizioni di una popolazione denutrita … [In questo caso], la popolazione denutrita potrebbe diventare una coltura riproduttiva per l’eruzione di epidemie e malattie pandemiche, .. “
Ciò è esattamente quello che è accaduto negli ultimi 50 anni di saccheggi mortali delle popolazioni del Terzo Mondo, in particolare in Africa, per via delle politiche della City di Londra, di Wall Street e, ovviamente, del Fondo monetario internazionale.
Il pieno impatto di tali politiche, concludeva LaRouche, può essere compreso solo situando lo sviluppo dell’uomo (o quello che Vladimir Vernadsky chiamava noosfera) all’interno della biosfera totale.
“La società è parte integrante della biosfera, sia della biosfera nel suo insieme, sia a livello regionale … Piuttosto che vedere una profonda caduta della densità demografica relativa potenziale, come semplicemente una caduta del valore relativo per la società in quanto tale, esaminiamo questo come un calo del livello relativo della biosfera che comprende quella società… Questo deve tendere ad un aggiustamento, attraverso l’accrescimento del ruolo delle forme di vita relativamente inferiori … [che] ‘consumano’ la vita umana e altre forme di vita superiore come ‘combustibile’ per la propria proliferazione … In quel caso le pandemie umane e animali (anche selvatiche), tendono a ripresentarsi ed evolversi, sotto certi tipi di ‘choc’ causati alla biosfera dall’estrema concentrazione di crollo del potenziale demografico “.
Inventario sanitario globale attuale
Ospedali
Il mondo nel suo complesso possiede un inventario attuale di 18,63 milioni di posti-letto ospedalieri. Ciò costituisce un enorme deficit, che rende incapace un paese dopo l’altro di sconfiggere il nuovo coronavirus. Per stimare il livello necessario di posti-letto, prendiamo in considerazione l’Hill-Burton Act del 1946 negli Stati Uniti, che stabilisce uno standard di 4,5 posti-letto ospedalieri ogni 1.000 persone, per contea, al fine di garantire la salute e il benessere della popolazione. I livelli attuali sono di 2,8 per gli Stati Uniti, 0,7 per l’Asia meridionale, 0,7 per i paesi poveri fortemente indebitati e 0,5 per la Nigeria, che ha un quinto della popolazione dell’Africa sub-sahariana.
Per soddisfare lo standard di 4,5 posti letto per 1.000 persone, il mondo dovrebbe aumentare il numero di posti-letto ospedalieri a 35 milioni di letti, quasi il doppio dell’attuale livello. Ciò richiederebbe la costruzione di 35.200 nuovi ospedali moderni, in particolare in Africa, America Latina e Asia, dove i nuovi posti letto verrebbero immediatamente utilizzati.
I letti da soli poi non salvano vite. È necessario anche il personale medico e i casi acuti richiedono attrezzature aggiuntive, come i ventilatori.
Ventilatori
L’inventario globale totale dei ventilatori è difficile da determinare, ma ci sono alcune cifre che indicano i problemi di gestione di COVID-19 in nazioni povere e prive di infrastrutture sanitarie. Gli Stati Uniti hanno un totale di circa 170.000 ventilatori per i loro 330 milioni di persone, ovvero circa 500 ventilatori ogni milione di persone. La Germania ha circa 25.000 ventilatori per i suoi 83 milioni di persone, circa 300 ventilatori per milione – il livello pro capite più alto in Europa.
Il quadro in Africa, tuttavia, è assolutamente devastante. A quanto riferisce la rivista Time il 7 aprile, ci sono 500 ventilatori per i 200 milioni di persone della Nigeria, ovvero 2,5 ventilatori per ogni milione di persone – circa 200 volte meno degli Stati Uniti su base pro capite. In Sudan ci sono 1,9 ventilatori per ogni milione di persone. La Repubblica Centrafricana (popolazione quasi 5 milioni) ha un totale di 3 ventilatori e la Liberia, con una popolazione di 4,7 milioni di persone, non ne ha.
Secondo le stime del Brookings Institution e del Financial Times, l’ India ha circa 20.000 ventilatori, che sarebbero 15 ventilatori per ogni milione di persone.
Affinché l’intero mondo sia al livello pro capite di ventilatori degli Stati Uniti, ne occorrerebbe uno stock globale di 4 milioni.
Comprensione attuale del COVID-19
Il COVID-19 attacca il corpo in almeno due modi. Innanzitutto, ha effetti molto simili all’influenza dal momento che si moltiplica all’interno del corpo. Febbri, dolori muscolari, mal di testa e affaticamento sono simili, così come la tosse, in particolare una tosse secca. La tosse è dovuta a una specifica caratteristica del virus: il suo prendere a bersaglio le cellule polmonari e la risposta del sistema immunitario che provoca. Al momento della stesura, si ritiene che in molti pazienti che raggiungono il secondo stadio della malattia, l’ARDS (sindrome da sofferenza respiratoria acuta), il corpo stesso stia attaccando le cellule polmonari dal momento che una “tempesta” di citochine create dall’organismo innescano un risposta crescente contro il virus e le cellule da esso infettate, così come le cellule sane.
Il tasso di mortalità per le persone colpite dalla malattia varia dallo 0,5% a oltre il 5% e dipende dalla fisiologia dell’individuo e dalla capacità del sistema sanitario locale. Anche il tasso di mortalità è incerto, a causa delle basse percentuali di test. Il tasso di persone infette che richiedono il ricovero ospedaliero varia dal 10% al 30%.
È possibile prendere di mira le seguenti aree di trasmissione e morbilità della malattia: riduzione della velocità di trasmissione attraverso il distanziamento sociale, l’igiene, le mascherine e le chiusure aziendali; ridurre il tasso di infezione attraverso le vaccinazioni; trattare il virus stesso con farmaci antivirali; e prevenire la sindrome da stress respiratorio acuto che il virus provoca nei casi gravi. Questi metodi saranno discussi in maggior dettaglio di seguito.
Africa: uno studio
L’Africa sub-sahariana ospita 1,1 miliardi di persone, il 14% della popolazione totale del pianeta. A causa del loro passato e presente coloniale, le nazioni di quella regione soffrono di estrema povertà, mancanza di elettricità e condizioni da baraccopoli nei suoi centri urbani, ovunque da 2 a 5 volte il tasso globale medio. L’Africa sub-sahariana ha:
14% della popolazione mondiale
Il 60% dei più poveri del mondo
Il 70% delle persone che in tutto il mondo non hanno accesso all’elettricità
Il 20% degli abitanti delle città di tutto il mondo che vive in baraccopoli.
Dimensioni del sottosviluppo
 

 MondoCinaAfrica sub saharianaNigeriaHaiti
Popolazione Totale (miliardi, 2020)7,81,41,10,20,011
Popolazione in povertà estrema9%0%41%47%80%
Mancanza di accesso all’elettricità (2017)11%0%55%46%56%
Popolazione urbana in baraccopoli (2014)30%25%55%50%74%



Fonte dati: Banca Mondiale, che definisce “baraccopoli” una unità abitativa che manca di uno o più dei seguenti elementi: acqua corrente, adeguati servizi igienici, area abitativa sufficiente, durevolezza dell’abitazione.
Questa è una parte della razza umana in cui la densità demografica relativa potenziale è chiaramente calata molto al di sotto della popolazione reale, per via delle politiche di genocidio dell’Impero britannico e dei suoi tirapiedi di Wall Street.
Si consideri inoltre il caso di Haiti, di gran lunga il paese più povero dell’America Latina e dei Caraibi, con condizioni simili a quelle delle nazioni africane più povere. Haiti ha una popolazione di 11,1 milioni di abitanti. Gli esperti sanitari hanno stimato che la pandemia di COVID-19 potrebbe causare circa 800.000 vittime ad Haiti, oltre il 7% della popolazione.
La Nigeria, con circa un quinto della popolazione totale dell’Africa sub sahariana, presenta una povertà fondamentale e indicatori correlati tipici dell’intera regione. I problemi che la Nigeria deve affrontare nella lotta contro il coronavirus sono rappresentativi non solo del l’Africa, ma dell’intero Terzo mondo.
Nel paesi in via di sviluppo in generale, compresi paesi come la Nigeria, grandi percentuali delle loro popolazioni vivono in uno squallore disumano. La maggior parte della loro forza lavoro si trova nell’”economia informale”, sopravvivendo di giorno in giorno grazie ad attività di strada che vanno dall’economia grigia a quella nera. In molti casi, fino al 70–80% della loro forza lavoro fa parte dell’economia informale. Il “rimanere a casa” o il “lockdown” senza un lavoro significano letteralmente morire di fame per un numero molto elevato di persone, così come un certo numero di infezioni da COVID-19 nei bassifondi in cui vivono. Lavarsi le mani ripetutamente? Questa è una battuta crudele per milioni e milioni di africani, asiatici, latinoamericani e altri che non hanno nemmeno l’acqua corrente.
Come dovrebbe quindi essere affrontata la pandemia in tali nazioni?
1) Deve esserci un approccio nazionale totalmente centralizzato, in molti paesi incentrato sull’esercito, che è spesso l’unica istituzione in grado di organizzare e attuare tale approccio. In molti casi, nel bene e nel male, sono anche l’unica istituzione nazionale rimasta in piedi e con una credibilità popolare.
2) La popolazione, specialmente nelle città, deve essere sottoposta a tamponi e divisa in due grandi gruppi: Gruppo A, quelli che non hanno COVID-19; e Gruppo B, quelli che si sono dimostrati positivi, anche se asintomatici. Il servizio sanitario e gli altri funzionari pubblici arruolati per eseguire i test devono essere dotati di apparecchiature avanzate per i test in quantità sufficiente, insieme a dispositivi di protezione individuale (DPI) adeguati e altre protezioni.
3) Il “Gruppo B” deve essere immediatamente messo in quarantena in unità abitative separate, che si tratti di hotel, edifici per uffici riconvertiti, centri sportivi e congressuali o di nuove unità abitative modulari costruite rapidamente. Tali nuove strutture devono disporre di strutture di lavoro e ricreative in loco, per coloro che sono abbastanza bene da poterle usarle, nonché del personale qualificato necessario, compresi infermieri e medici. Questi professionisti della salute dovranno anche essere messi in quarantena, in modo da non contagiare le proprie famiglie e amici.
4) I pazienti malati e molto malati devono essere ricoverati in ospedale. I nuovi ospedali devono essere costruiti con letti sufficienti per gestire il carico del paziente e dedicati esclusivamente ai casi COVID-19. Deve essere organizzato un personale adeguato di medici e infermieri, arruolandoli anche a livello nazionale.
5) Il “Gruppo A” deve essere rapidamente formato in brigate di istruzione e di lavoro, sia nell’industria che nell’agricoltura, proprio come il progetto del Corpo di Protezione Civile creato da Franklin Delano Roosevelt nella Grande Depressione negli Stati Uniti. Devono produrre cibo, abitazioni e vestiti sufficienti per sé stessi così come per il “Gruppo B.” Ciò richiederà un ritorno all’autosufficienza alimentare nazionale, che a sua volta richiederà l’importazione degli input di capitale per l’agricoltura moderna – come fertilizzanti, pesticidi, trattori e irrigazione. La forza lavoro locale deve anche iniziare a costruire alloggi, ospedali e altre infrastrutture necessarie per svolgere il lavoro. Ciò richiederà una formazione pratica e il trasferimento su larga scala di moderne tecnologie.
Ciò che la Cina sta già facendo in Africa con la costruzione di nuove linee ferroviarie e altre infrastrutture è esemplare. L’estensione del Ponte Terrestre Mondiale in Africa è essenziale e trarrà enorme vantaggio da una cooperazione approfondita tra Cina e Stati Uniti in particolare, così come altri paesi.
Ma la comunità mondiale deve fare immediatamente di più per affrontare la situazione africana, come si argomenta alla fine di questo rapporto.