Egitto: l’adesione di Morsi all’assalto contro la Siria è stato il punto di svolta

Il rovesciamento del governo di Mohamed Morsi in Egitto è una drammatica reazione all’imposizione della nuova politica alla Sykes-Picot da parte delle potenze occidentali. Le forze armate egiziane si sono mosse contro il Presidente dopo che tutti e cinque i ministri non Fratelli Musulmani e due portavoce presidenziali si erano dimessi in solidarietà con i milioni di manifestanti in tutto il paese.

Morsi si era insediato un anno fa dopo che l’alleanza anglo-saudita di gruppi radicali islamici collegata ad Al Qaeda, cui la Fratellanza Musulmana (FM) è associata, aveva dirottato la cosiddetta Primavera Araba. Questa stessa alleanza aveva trasformato le proteste in Libia in una sanguinosa guerra civile sostenuta dall’intervento militare di Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti, che ha gettato il paese nel caos e lasciato la popolazione alla mercé delle bande armate. La trasformazione della Primavera Araba in Siria si è spinta ancor più in là, minacciando di creare un conflitto tra sunniti e sciiti in tutta la regione, come preludio ad un attacco all’Iran e alla fine uno scontro nucleare tra gli Stati Uniti e la Russia.

Le proteste in Egitto contro la Fratellanza Musulmana hanno fatto seguito alle dimostrazioni di massa in Turchia, che erano dirette non solo contro la politica sempre più autoritaria del partito Islamico della Giustizia e dello Sviluppo, ma anche contro il sostegno alla politica di aggressione alla Siria.

In Egitto, la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata raggiunta il mese scorso, quando il Presidente Obama e il suo security team alla Casa Bianca hanno chiesto al Pentagono di bombardare le basi militari siriane, richiesta alla quale si è opposto con forza il capo degli Stati Maggiori Riuniti, il gen. Martin Dempsey. Nonostante questa opposizione, Obama ha annunciato che gli USA avrebbero ufficialmente cominciato ad armare i ribelli.

Entro pochi giorni dall’annuncio, il Presidente Morsi ha ordinato il taglio delle relazioni diplomatiche con la Siria, mentre la FM indiva una manifestazione a cui parlava Morsi incitando alla Jihad e all’intervento militare straniero in Siria, chiamando “infedeli” Hezbollah e gli sciiti iraniani che appoggiano Assad.

Un dispaccio della Reuters che cita fonti militari egiziane anonime ha osservato che quella manifestazione di islamisti radicali è stata la molla che ha scatenato “le preoccupazioni delle forze armate per il modo in cui il Presidente Morsi stava governando il paese”.

Non appena Morsi è stato deposto, il capo delle Forze Armate Abdel-Fattah El-Sisi ha nominato Adly Mahmoud Mansour, capo della Corte Costituzionale, capo del governo di transizione col mandato di presiedere alla stesura di una nuova costituzione e a nuove elezioni. La situazione rimane però pericolosa, perché la Fratellanza Musulmana spinge all’insurrezione ed è noto che dispone di armi arrivate dalla Libia.

Inoltre, la deposizione di Morsi è “bad news” per la Turchia, dove il partito al governo non solo aveva allacciato forti legami con Morsi, ma ne condivideva la politica anti-Siria. Mentre il governo turco denunciava le FFAA egiziane per aver eseguito uno “sporco colpo di stato”, un commentatore turco scriveva sull’Hurriyet Daily News: “Se si riesce a riconquistare la ‘primavera’ che era stata scippata in Egitto… dobbiamo prepararci a vederne le ricadute nel resto della regione”.