Sabato 9 novembre, nella storica sala della Federazione Operaia, al centro di Sanremo, si è tenuta la prima conferenza in Liguria su “separare le banche: Glass-Steagall Act”, organizzata dalla rinomata soprano Antonella Banaudi.

Liliana Gorini, presidente di MoviSol, ha aperto la conferenza esponendo ai presenti l’alternativa molto chiara che si prospetta: far adottare la legge Glass-Steagall al Congresso USA, e quindi nel resto del mondo, rilanciando così il credito alle imprese ed all’economia reale, oppure un altro giro di vite di salvataggi bancari a spese dei contribuenti, iperinflazione stile Weimar, chiusura di imprese, misure di austerità sempre più draconiane imposte dalla Troika (BCE, UE e Fondo Monetario Internazionale) in Europa e dall’amministrazione Obama negli Stati Uniti, fino ad arrivare al prelievo forzoso sui conti correnti (sul modello cipriota), per salvare gli speculatori mandando in bancarotta i cittadini.

“L’alternativa c’è” ha detto Gorini “ed è il risultato della nostra campagna in tutto il mondo per la separazione bancaria. Per elencarne i progressi più importanti: i tre disegni di legge per il ripristino della legge Glass-Steagall al Congresso USA; i ben quattro disegni di legge presentati al Parlamento italiano; le mozioni delle Regioni Toscana e Piemonte, e quella appena presentata alla Regione Lombardia; numerose mozioni in svariati consigli comunali; la mozione votata dalla maggioranza del parlamento svizzero;la petizione in Belgio, Francia, Danimarca ed altri paesi europei. Sta ai cittadini far sì che i nostri politici, invece di discutere di idiozie, portino in aula e votino questi disegni di legge, e cessino di sottostare al diktat dell’Unione Europea”.

La presidente di Movisol ha mostrato una cartina degli Stati Uniti da cui risultano tutte le mozioni presentate ed in alcuni casi approvate nei diversi stati americani, grazie alla mobilitazione del LaRouchePAC. “Mostro sempre questa cartina alle conferenze a cui vengo invitata, per prevenire l’obiezione che ci sentiamo spesso ripetere: ma tanto non si può cambiare niente, vincerà sempre Wall Street, vinceranno sempre loro. Non è così, l’esito di questa battaglia dipende da ciascuno di noi”.

Massimo Lodi Rizzini ha proseguito spiegando i concetti elementari dell’economia sana, contrapposta all’idea del monetarismo, incluso quello keynesiano, e della “concorrenza”, che è “tipica delle bestie, mentre gli esseri umani sono dotati della capacità creativa e di cooperazione”. Un esempio positivo a cui ispirarsi è quello di Enrico Mattei, ha detto Lodi Rizzini, che si preoccupava di dare ai suoi dipendenti alti livelli di vita ed ha insegnato al mondo intero come si può sviluppare l’Africa e il terzo mondo portando il lavoro in questi continenti, unica alternativa all’esodo di massa che molti temono.

Ci sono state molte domande dal pubblico, la prima proprio su quella cartina degli Stati Uniti che indica come il LaRouchePAC stia influenzando il dibattito nazionale sulla legge Glass-Steagall. “Negli Stati Uniti questo è possibile, c’è ancora la democrazia, ma qui in Europa?” o altre domande quali “Come è possibile che il nostro Parlamento abbia approvato il MES senza neanche conoscerlo, rinunciando così alla sua sovranità?”, oppure “Non sarebbe meglio uscire dall’Euro?” (ovviamente sì, e comunque è l’Euro stesso che si sta sfaldando, così come il sistema finanziario parassitario che l’ha creato, ed esistono piani di contingenza, sia in Italia che in Germania e Francia, che dimostrano come l’uscita dall’Euro, per quanto impegnativa, costerebbe meno che continuare a tenerlo in piedi salvando gli speculatori a spese dei contribuenti).

È intervenuta anche la presidente di un’associazione di categoria di Imperia, secondo cui il punto di vista di Movisol sarebbe “troppo pessimistico”, le imprese sono ancora sane e non tutte stanno male. Le ha risposto Antonella Banaudi: “Non vedo che cosa ci sia di pessimistico nell’offrire l’unica soluzione concreta alla crisi attuale”. Alla fine della conferenza, moltissimi partecipanti hanno ringraziato Gorini, Lodi Rizzini e Banaudi per le importanti informazioni e soluzioni presentate che, purtroppo, la stampa omette di riportare lasciando i cittadini all’oscuro di proposte vitali per il loro futuro. È stato proposto di organizzare un altro incontro, invitando anche i politici locali, inclusi i candidati alle europee che, finora, non hanno preso posizione sull’argomento.

Il prossimo appuntamento con MoviSol è il 23 novembre a Montevarchi (Arezzo): “Libero mercato o interventismo statale?”

Vedi anche…

LaRouche PAC: “MoviSol Holds Conference on Glass-Steagall in Sanremo”
Riviera24: “Alla Federazione Operaia Sanremese conferenza sul tema della Separazione Bancaria Assoluta”