Vertice ONU sul cibo: lo spopolamento è all’ordine del giorno?

Il seguente volantino è stato distribuito dallo Schiller Institute di fronte all’assemblea generale dell’ONU a New York il 21 settembre.
Vertice ONU sul cibo: lo spopolamento è all’ordine del giorno? 
A volte, l’oscenità viene messa in mostra nella maniera più lurida nella forma di ciò che è “nascosto in bella vista”. Il proposito normalmente non dichiarato, che la popolazione mondiale debba essere radicalmente ridotta “con ogni mezzo necessario”, e con cui concordano tacitamente molti all’ONU e le sue varie ONG , è stata espressa apertamente nel 1991 nelle parole di Alexander King, nella “Prima rivoluzione globale” del Club di Roma.
“Il nemico comune dell’umanità è l’uomo. Nella ricerca di un nuovo nemico che ci unisse, ci è venuta l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la carestia e simili sarebbero stati adatti. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano, ed è solo attraverso un cambiamento di atteggiamento e di comportamento che possono essere superati. Il vero nemico, quindi, è l’umanità stessa”. 

Se l’obiettivo non dichiarato è avere meno persone, il controllo demografico e della fornitura di cibo è essenziale. Quegli auto-selezionati “ranger del parco della razza umana”, tra cui Ubermenschen come Mike Bloomberg, 60 miliardi di dollari, inviato speciale delle Nazioni Unite per le soluzioni climatiche, e Mark Carney, inviato speciale del 2019 per l’azione e la finanza climatica ed ex governatore della Banca d’Inghilterra, credono di poter usare il “cambio di regime finanziario” per corrompere molte nazioni dell’Africa, dell’Asia e dell’Ibero-America imponendo loro la sottomissione.
Le “élite verdi” sostengono di possedere una conoscenza superiore del pianeta, che dà loro il diritto di cambiare il comportamento delle “società inferiori”, quasi sempre situate nell’emisfero meridionale. Henry Kissinger, il cui rapporto NSSM-200 del 1974, “Implications of Worldwide Population Growth for U.S. Security and Overseas Interests”, chiese: “Il cibo sarebbe considerato uno strumento di potere nazionale? … Gli Stati Uniti sono pronti ad accettare il razionamento del cibo per aiutare le persone che non possono/vogliono controllare la loro crescita demografica?” sarebbe d’accordo con la loro risposta.

Vari comitati globalisti si sono assunti la responsabilità di ripulire il pianeta dagli inadatti, i poveri, gli infermi e gli scomodi, che ora non sono più nemmeno chiamati persone – sono solo “impronte di carbonio”. Gli “eletti verdi” devono agire, quando il resto dell’umanità non può o non vuole.
In passato, questa brutalità era nota con il termine colonialismo o neocolonialismo. Oggi, nell’era della sorveglianza universale, potrebbe essere definita “cyber-colonialismo”, o “cripto-colonialismo”, ecc.   Così, l’intento di liberare urgentemente il mondo dalle persone “ridondanti, indesiderate e non necessarie” di Africa, Sud America e Asia, per esempio, si veste dell’abbigliamento formale di una “profonda preoccupazione per il futuro del pianeta” e la necessità di “supervisionare le nazioni arretrate, gli stati falliti e gli attori ambientali irresponsabili”. Per ripulire la sporca impronta di carbonio di tutte queste “bocche inutili da sfamare”, potrebbe essere necessario mettere un piede amico sul loro collo usando sanzioni, compreso il cibo come arma, “per il bene della Terra”. 
Ora le Nazioni Unite stanno per ospitare una serie di riunioni in cui burocrati ben nutriti fingeranno preoccupazione, ma useranno l’arma del cibo. Fare questo nel mezzo di una pandemia, con mezzo miliardo di persone preda di carestie, e lo sconvolgimento in corso delle frontiere nazionali in tutto il pianeta, è un’oscena dimostrazione di ciò che nel diritto penale degli Stati Uniti, viene definita “depravata indifferenza”. Secondo il codice del Tribunale di Norimberga, “sapevano, o avrebbero dovuto sapere”.   Grandiose dichiarazioni sull’emissione di miliardi di dosi di vaccini non serviranno a nulla se le persone che dovrebbero essere vaccinate sono già morte di fame, disidratazione o malattie. La domanda è: questo processo di spopolamento è il vero intento?

Bisogna porsi questa domanda, considerando la mancanza di risposta che David Beasley del Programma Alimentare Mondiale ha ricevuto, ai suoi ripetuti appelli riguardanti l’Afghanistan, Haiti, e altre nazioni che sono o sull’orlo, o in preda a catastrofi che possono essere evitate o alleviate. L’assurdità di non portare aiuti alle aree più vulnerabili del mondo, anche all’inizio della pandemia di coronavirus dell’anno scorso, ha già peggiorato la condizione del mondo per tutti noi in modi che non conosciamo ancora di preciso.  
Una piattaforma sanitaria mondiale – acqua potabile, cibo, medicine e le relative infrastrutture di emergenza necessarie per la loro distribuzione – è la pre-condizione fisica minima necessaria per la sopravvivenza duratura di ogni nazione del pianeta, indipendentemente dalla loro politica. Questa è l’unica risposta umana.  Questo è anche ora il nostro unico modo sicuro non solo di “tenere il passo”, ma di andare avanti rispetto all’imminente olocausto biologico che l’umanità deve affrontare.
Il saggio dell’economista Lyndon LaRouche del 7 maggio 1985, “il ruolo della scienza economica nello spiegare le pandemie come aspetti di stati avanzati di un crollo economico”, pubblicato in un rapporto speciale della Executive Intelligence Review intitolato “Crollo economico e la minaccia di pandemie globali”, fu distribuito alle Nazioni Unite e a molte altre istituzioni ben 36 anni fa. L’emergenza sanitaria del 2020-21, quindi, non ci “coglie di sorpresa”. I rappresentanti dell’ONU e i loro rispettivi governi erano informati a suo tempo; hanno scelto di non agire. Sono stati allora colpevoli di indifferenza depravata, di negligenza dolosa. 

 
Attivare gli aiuti alimentari, gli agricoltori sanno come fare


Oggi, la sfida è: Le Nazioni Unite possono fare di meglio? C’è un test immediato e salvavita. Oggi il mondo deve mollare tutto – come è stato costretto a mollare tutto l’anno scorso, quando è scoppiata la pandemia – e fare ciò che è necessario per nutrire, su una base di emergenza, tutti gli abitanti del pianeta che soffrono di insicurezza alimentare, in ogni paese della Terra. Questo richiede un atto anti-malthusiano, ma protegge anche gli egoisti del pianeta da infezioni sconosciute e conosciute, improvvisamente importate e contratte da fonti sconosciute. Questo sforzo richiede l’uso di tutte le capacità tecnologico-produttive disponibili, agricole e industriali.  Questo deve essere fatto al servizio dell’umanità, e non di un’azienda, un cartello, un’istituzione militare o un’oligarchia intenzionata a usare il cibo come un’arma. E collaborare a questa mobilitazione alimentare è il primo passo per stabilire la cooperazione necessaria affinché una piattaforma sanitaria mondiale possa funzionare.     
Le persone non sono responsabili della pandemia, dei terremoti o delle inondazioni. Non stanno morendo di fame come risultato di un crimine specifico – a meno che non si pensi, come fanno i malthusiani, che “il loro crimine sia stato nascere”. Il crimine, piuttosto, è tenere conferenze su “soluzioni basate sulla natura per la produzione di cibo” e “summit sulla fame nel mondo”, mentre si ignora la morte intorno a sé. 
Gli agricoltori del mondo, i distributori di aiuti alimentari e la gente sono pronti ad accettare il compito monumentale di un’alimentazione immediata e di emergenza di tutta l’umanità. Il luogo da cui cominciare è l’Afghanistan. È una situazione esemplare in cui molte nazioni una volta opposte tra loro possono, secondo le parole di Isaia, “trasformare le loro spade in aratri e le loro lance in falci; la nazione non alzerà più la spada contro la nazione e non ricorrerà più alla guerra”. Se si nutre il popolo, si sopprime l’appetito per la guerra. Abbiamo bisogno, non di un “Grande Reset”, ma di un “Grande Ribaltamento” della politica, compresa la politica alimentare. Abbiamo bisogno di una resistenza mondiale anti-malthusiana. Le persone vengono prima di tutto! Unitevi al Comitato dell’Istituto Schiller per una Coincidenza tra gli Opposti nella sua campagna per una Piattaforma Mondiale della Salute.