Italia e Cina firmano intesa per sviluppare l’Africa

Il governo italiano sta facendo passi concreti per mantenere la promessa di conquistare la prima fila nella Belt and Road Initiative cinese. Dopo aver costituito una “Task Force China” e le due riuscite missioni del Ministro dell’Economia Giovanni Tria e del sottosegretario Michele Geraci, il Ministero dello Sviluppo Economico e la Commissione Nazionale Cinese per lo Sviluppo e le Riforme hanno firmato un memorandum d’intesa sulla collaborazione in Paesi terzi, con priorità assegnata all’Africa.

In un comunicato pubblicato l’8 settembre, il MISE spiega che “In forza di tale Memorandum, Italia e Cina si impegnano a ricercare aree di cooperazione congiunta in Paesi terzi. Un primo obiettivo di questa nuova forma di collaborazione sarà l’Africa, il continente che è destinato, con la sua prorompente demografia e le sue prospettive di crescita economica, ad attirare sempre maggiore attenzione dei Paesi europei, e dell’Italia in particolare, sia per gestire il fenomeno migratorio, sia per aprire nuovi mercati al nostro sistema imprenditoriale nonché per condividere insieme ai Paesi africani le sfide sulla strada dello sviluppo, della crescita economica e della sostenibilità”.

Nel comunicato ufficiale del MISE si legge che “l’accordo è stato reso possibile solo grazie al costante dialogo condotto da MAECI, Ambasciata d’Italia in Cina e MISE, e rappresenta un primo importante risultato della neo-costituita Task Force Cina, voluta dal Ministro Di Maio e guidata dal Sottosegretario Geraci. Un primo esempio di come l’approccio sistemico porti a risultati concreti.

“Ringrazio – ha dichiarato Geraci – l’Ambasciatore Sequi e tutto il team dell’Ambasciata per aver assicurato la conclusione del negoziato, che prelude alla firma del Memorandum of Understanding da parte del Vice Presidente del Consiglio e Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro e delle Politiche Sociali Luigi Di Maio.”

“In forza di tale Memorandum, Italia e Cina si impegnano a ricercare aree di cooperazione congiunta in Paesi terzi. Un primo obiettivo di questa nuova forma di collaborazione sarà l’Africa, il continente che è destinato, con la sua prorompente demografia e le sue prospettive di crescita economica, ad attirare sempre maggiore attenzione dei Paesi europei, e dell’Italia in particolare, sia per gestire il fenomeno migratorio, sia per aprire nuovi mercati al nostro sistema imprenditoriale nonché per condividere insieme ai paesi africani le sfide sulla strada dello sviluppo, della crescita economica e della sostenibilità”. (Foto MISE)