Cambiamenti climatici: l’India vanifica i piani per il Grande Reset

L’inviato speciale degli Stati Uniti per il clima, John Kerry (foto), sta girando il mondo per organizzare sostegni al “vertice dei leader sul clima” indetto dal presidente Biden per il 22-23 aprile, che è stato progettato per dare un grande impulso alla politica del Grande Reset e del Green Deal. Il 10 marzo, Kerry era a Bruxelles, dove i funzionari europei lo hanno ricevuto a braccia aperte, confermando l’agenda comune. La settimana scorsa Kerry ha trascorso tre giorni in India e, secondo quanto riferito, prevede di recarsi in Cina questa settimana o la prossima.
Il suo viaggio a Nuova Delhi è stato però, dal suo punto di vista, deludente. Il primo ministro Modi e il suo governo, pur sostenendo a parole la necessità di incrementare le energie rinnovabili, hanno evitato di prendere impegni a qualsiavoglia scadenza per l’obiettivo di emissioni zero, sostenendo correttamente che ciò imporrebbe limiti inaccettabili allo sviluppo economico. L’India, che prevede di espandere la domanda di energia nei prossimi due decenni più di qualsiasi altra nazione e dove le centrali a carbone forniscono ancora circa il 70% dell’elettricità del paese, è fondamentale per lo schema globale del Grande Reset.
Ma le considerazioni nazionali non sono l’unica preoccupazione del governo indiano. Lo ha espresso con forza il ministro dell’energia Raj Kumar Singh il 31 marzo in una riunione dell’IEA-COP26 sull'”energia pulita”. R.K. Singh ha manifestato la propria indignazione per il fatto che il mondo sviluppato, che “ha già occupato quasi l’80% dello spazio del carbonio”, ora fa promesse da “castelli in aria” di raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro pochi decenni e nel frattempo chiede tagli micidiali ai paesi poveri.
“Ci sono 800 milioni di persone che non hanno accesso all’elettricità. (…)” ha insistito, “devono svilupparsi! Questo sviluppo richiederà più acciaio, in quantità enormi; più cemento, in quantità enormi.” Tutto ciò, ha continuato con crescente disagio del moderatore, richiede emissioni di carbonio. Il consumo pro capite nei paesi più poveri è attualmente meno di un quinto del consumo pro capite mondiale e le emissioni sono solo un sesto delle emissioni mondiali, ha sottolineato.
Oltre all’India, la Cina è uno dei principali obiettivi dell’iniziativa “zero emissioni”. Anche se il presidente Xi è tra i 40 capi di stato e di governo invitati al vertice di Biden del 22 aprile, la Cina ha detto molto chiaramente che continuerà a sviluppare moderne centrali a carbone e l’energia nucleare, anche di quarta generazione (vedi SAS 11/21).
Mentre aumentano i preparativi per il vertice sul clima che si terrà in novembre a Glasgow, ci si aspetta che molte altre nazioni emergenti e in via di sviluppo rifiuteranno le misure di crescita zero e riduzione della popolazione chieste con il pretesto di combattere il riscaldamento globale.