Tulsi Gabbard reitera l’attacco alla guerra di Obama per il cambiamento di regime in Siria

La congressista Tulsi Gabbard ha posto nuovamente sotto attacco la politica di Obama esposta nella conferenza stampa di due giorni fa. Per Gabbard, Obama “ha correttamente identificato le urgenze umanitarie degli abitanti di Aleppo, ma non ha affrontato il tema di come le azioni della sua Amministrazione abbiano alimentato la crisi”.

Avrebbe un’alternativa, quella di “far cessare la sconveniente guerra di cambiamento di regime che ha causato immense sofferenze, distruzione e perdite di vite umane”.

Per anni, ha proseguito Gabbard, “la CIA ha armato direttamente e indirettamente i ribelli cosiddetti ‘moderati’, alleati con Al-Qaeda nel tentativo di rovesciare il governo siriano. Ecco perché ho introdotto il ddl SATA, per terminare questa follia ch’è causa di grandi sofferenze, mentre di rafforza Al-Qaeda”.