Natalia Vitrenko: smettete di fornire armi e di usare il ricatto politico per incitare l’Ucraina alla guerra con la Russia!

Dichiarazione del Comitato Centrale del Partito Socialista Progressista dell’Ucraina
19 gennaio 2022
Al:
Presidente Joe Biden, USA
Primo Ministro Boris Johnson, Regno Unito
Primo Ministro Justin Trudeau, Canada
Presidente A. Duda, Polonia
Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg
CC:
Segretario generale delle Nazioni Unite A. Guterres
Segretario generale del Consiglio d’Europa Marija Pejčinović Burić
Segretario generale dell’OSCE H.M. Schmid
Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky
Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin
19 gennaio 2022
Cari capi di stato e di governo, cari leader di rispettate organizzazioni internazionali,

Il Comitato Centrale del Partito Socialista Progressista dell’Ucraina, esprimendo profonda preoccupazione per la catastrofe socioeconomica in Ucraina, considera inaccettabile e pericoloso, sia per i cittadini dell’Ucraina che per l’intera comunità mondiale, usare il ricatto politico per incitare l’Ucraina alla guerra con la Russia. I paesi dell’Occidente, guidati dagli USA e dalla NATO, stanno incitando il nostro paese in questa direzione.
Dal 2014, con nostro profondo rammarico, in Ucraina è in corso una guerra fratricida, in cui sono già stati uccisi più di 15.000 civili innocenti. In violazione del diritto internazionale e dell’articolo 17 della Costituzione dell’Ucraina, le forze armate del nostro Stato sono state trascinate in questo conflitto. A nostro parere, la ragione di questa situazione in Ucraina non è solo la riscrittura della storia, che ha trasformato in eroi i collaborazionisti dell’Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini e dell’Esercito Insurrezionale Ucraino (OUN-UPA) che erano a favore di Hitler, ma anche l’attuazione, inaccettabile per una nazione civile, di una politica statale basata sull’ideologia del nazionalismo “integrale” ucraino (fascismo). Questo è ciò che ha dato origine all’odio etnico e religioso e alla discriminazione contro i gruppi etnici “non indigeni”, che ha portato abbastanza legittimamente a una scissione all’interno del nostro paese. Questa politica è stata sancita dalle leggi sulla “lustrazione”, la “de-comunistizzazione”, i popoli indigeni e le lingue.
La scissione della società e l’inganno della nostra popolazione sono stati intensificati dalla politica imposta al nostro paese di cercare di entrare nell’UE e nella NATO. Nel 1991 la sovranità dell’Ucraina è stata riconosciuta dalla comunità mondiale sulla base delle norme e dei principi enunciati nella Dichiarazione sulla sovranità statale dell’Ucraina, che è stata confermata due volte dal nostro popolo in referendum nazionali (17 marzo e 1 dicembre 1991). La forza giuridica di questa Dichiarazione ha ancora la precedenza. Ciò significa che la comunità mondiale non solo ha riconosciuto, ma è obbligata a difendere la sovranità dell’Ucraina come uno stato neutrale, non appartenente a blocchi, impegnato in una politica estera di creazione di uno stato di unione con le ex repubbliche dell’URSS.
Comprendiamo che a voi, leader dei paesi occidentali, non piace questo tipo di sovranità per l’Ucraina e non vi avvantaggia in termini geopolitici. Ma questa è stata la scelta del nostro popolo, contro la falsa scelta del regime fantoccio ucraino che ha trascinato il paese verso l’adesione all’UE e alla NATO.
È evidente che finché il nostro paese ha mantenuto il suo status di non-blocco, abbiamo avuto pace e tranquillità. La politica di adesione all’UE e alla NATO, invece, e la politica del nazionalismo “integrale” ucraino (fascismo), hanno portato non solo a una catastrofe socioeconomica e alla perdita della sovranità statale, ma anche alla trasformazione del nostro popolo in carne da cannone nella lotta geopolitica dell’Occidente contro la Russia e la Cina.
Il Comitato Centrale del Partito Socialista Progressista dell’Ucraina si oppone categoricamente a questa politica, che sta costringendo il regime ucraino a provocare un conflitto armato su larga scala con la Federazione Russa.
Abbiamo tratto queste conclusioni non solo dalla retorica aggressiva dei funzionari dei vostri paesi e della leadership della NATO, e non solo dalla propaganda bellicosa del regime ucraino e di tutti i suoi mass media, ma anche dalla continua fornitura di armi letali all’Ucraina, dalla costruzione di basi militari (essenzialmente straniere) sul nostro territorio, e dall’invio di unità di forze speciali una dopo l’altra, istruttori e consiglieri dei vostri paesi.
Ci rendiamo conto che il capitalismo, per sua natura oggettiva, sta sprofondando in una crisi sempre più profonda e che nei vostri paesi aumentano i problemi sociali ed economici.
Comprendiamo che nella Repubblica Popolare Cinese avrà presto luogo un magnifico evento, i Giochi Olimpici Invernali, che mostrerà al mondo intero un livello di sviluppo senza precedenti, mai raggiunto prima, di uno stato socialista. Per questo i vostri paesi hanno organizzato un “boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi”, e per screditare questa grande festa internazionale dello sport, proprio come nel 2008 avevate bisogno di una provocazione militare1. Se non è la Georgia contro la Russia, questa volta è l’Ucraina contro la Russia. È chiaro che volete un conflitto militare, ma volete che sia fatto da qualcuno diverso da voi. Non sarete voi a tornare a casa in bare di zinco, e non saranno le vostre città e i vostri villaggi a cadere in rovina. Vi siete abituati a far sì che qualcun altro lo faccia per voi. E a questo scopo comprate e intimidite i regimi fantoccio delle vostre colonie.
Siamo categoricamente contrari a che questo venga fatto in generale. E, incluso, il fatto che venga fatto all’Ucraina e a spese del popolo ucraino.
Richiamiamo la vostra attenzione sul fatto che la fornitura di armi all’Ucraina oggi, nell’attuale situazione incandescente di conflitto, è una violazione della Carta delle Nazioni Unite, dell’accordo di Minsk sulla risoluzione pacifica del conflitto nel Donbass (un accordo confermato dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite!), e del diritto internazionale umanitario – in particolare, il trattato internazionale sul commercio delle armi (aprile 2013). Al di là di ogni dubbio, la fornitura di armi all’Ucraina da parte dei vostri paesi nuoce alla pace e alla sicurezza e provoca un’intensificazione del conflitto armato e una crescita della tensione. Questo è espressamente vietato da questo trattato.
Richiamiamo anche la vostra attenzione sul Codice di condotta internazionale sui trasferimenti di armi, redatto nel 2000 dai vincitori del Premio Nobel per la pace. In particolare, l’articolo 4 di quel Codice, “Rispetto delle norme internazionali sui diritti umani”, e l’articolo 8, “Impegno a promuovere la pace, la sicurezza e la stabilità regionali”. Il Codice chiede di non fornire armi in casi di regime nazista o se può portare a “un numero significativo di sfollati o rifugiati”2.
La pace e l’accordo saranno stabiliti in Ucraina non fornendo armi, ma con l’attuazione degli accordi di Minsk, riconoscendo che il nazionalismo ucraino “integrale” è un’ideologia criminale, e con la denazificazione e democratizzazione del nostro paese. I governi dei vostri paesi e dell’Ucraina sono obbligati a capire che la guerra e l’incitamento alla guerra non sono i valori principali della civiltà mondiale. Questi valori sono la pace, la vita e la salute mentale e fisica delle persone.

Natalia Vitrenko, presidente del PSPU

  1. L’allora presidente della Georgia Mikheil Saakashvili mandò le sue forze ad attaccare le forze di pace russe nella regione georgiana separatista dell’Ossezia del Sud, proprio mentre i giochi olimpici estivi si aprivano a Pechino nell’agosto 2008.
  2. Articolo 8: “I trasferimenti di armi possono essere effettuati solo se lo Stato destinatario proposto o la parte destinataria nel paese di destinazione finale: … E. Non sostiene l’odio nazionale, razziale o religioso che costituisce un incitamento alla discriminazione, all’ostilità o alla violenza, in particolare la propaganda che incita gli individui a rovesciare il proprio governo o un governo straniero, o la propaganda infiammatoria nel perseguimento della rivendicazione territoriale; F. Non è impegnata in azioni o pratiche armate che possono portare a un numero significativo di sfollati o rifugiati”.