Mattarella a Medolla: MoviSol ricorda alle autorità le priorità – separazione bancaria e banca nazionale

MoviSol accoglie Mattarella a Medolla

La commemorazione delle vittime del sisma di dieci anni fa ha permesso al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e alle numerose autorità presenti di celebrare gli sforzi delle autorità da allora in carica, ricordando a più riprese la tenacia degli abitanti.
La gremita manifestazione di ieri mattina ha accolto Mattarella a Medolla e a Finale Emilia con bandierine tricolori e classi di bambini istruiti ad acclamarlo.

Prima del suo arrivo a Medolla, la polizia si è dimostrata particolarmente interessata a un unico cittadino che pareva potesse manifestare qualcosa di dissonante: nel giro di pochi minuti ben due gruppi di funzionarî hanno voluto identificare il nostro attivista Flavio Tabanelli e fotografare un cartello che teneva chiuso tra le gambe. Si tratta del cartello che fu impiegato per accogliere il predecessore Giorgio Napolitano a Mirandola, qualche giorno dopo la seconda scossa del 29 maggio 2012. Una funzionaria appartenente al secondo gruppo gli ha detto di ben ricordare il suo manifesto.

L’esposizione del cartello, contenente suggerimenti validi sia per la ricostruzione locale sia per la ripresa economica della nazione, fu all’epoca violentemente contrastata dalle forze dell’ordine, nella malsana speranza che il nostro reagisse altrettanto violentemente, finendo per squalificare la propria manifestazione individuale. Il gioco interessò anche la stampa, che poté dare risalto ai «fischi» e agli «insulti» emessi da altre persone, certamente eccitate da quanto stava a lui accadendo, ma non impedì che Repubblica e Corriere della Sera riferissero brevemente il suo messaggio. Forse è per quella circostanza che la funzionaria ha una memoria viva, a distanza di dieci anni, del cartello contenente le frasi “Separare le banche” ed “Emettere credito pubblico produttivo”.

Poiché la memoria di quella civile manifestazione sembra non aver lambito le autorità politiche nelle loro pretese azioni di contrasto alla perpetua crisi economica in cui versiamo, il cartello è stato esposto per completare l’atto di commemorazione collettiva. Un aiuto ai «diversamente attenti» (vedi per esempio il nostro articolo del 30 marzo 2012, Il governo Monti: la separazione bancaria non è tra le priorità).

Il problema strategico, infatti, non è ancora stato risolto, nonostante il nostro lavoro sulla legge di iniziativa popolare e le altre nostre iniziative, le successive mozioni comunali, provinciali e regionali (arrivate a cinque –  quelle regionali – nel 2014), i disegni di legge (arrivati al numero di dodici nel 2017) e l’inserimento dei due punti nel famoso «contratto di governo» gialloverde (2018).

Quando si era ancora in attesa dell’arrivo di Mattarella, il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi si è avvicinato ai bambini disposti a fianco del nostro attivista, che gli ha dunque mostrato il cartello. Bianchi è sembrato annuire, allora Tabanelli ha argomentato che la separazione bancaria e la banca nazionale sono i mezzi a disposizione di chi cerchi – per attenersi alle sue competenze – fondi per la scuola, concludendo che «bisogna smettere di mandare armi in Ucraina».

Il cartello è stato poi esposto sia all’arrivo e sia alla partenza di Mattarella. Nonostante qualche maldestro tentativo di nasconderlo da parte di un terzetto di pubblica sicurezza, poi anche con un alto furgone della scorta, il manifesto è stato più volte fotografato e ripreso con videocamere, da altri esponenti delle forze dell’ordine e da giornalisti, ma, a giudicare dai reportage ufficiali e dagli articoli delle principali testate nazionali, il desiderata delle istituzioni è stato proprio il festeggiamento di bambini e fanciulli.

Approfondimenti:

Dall’Emilia: separare le banche per ricostruire (2012)
Napolitano a Mirandola: oltre le proteste, la proposta della separazione bancaria (2012)
Ricostruzione delle zone terremotate: soprattutto la separazione bancaria (2012)
MoviSol a Medolla: separazione bancaria, ricostruzione e ripresa economica
(2013)
Ricostruzione post-terremoto e ripresa economica: con la separazione bancaria (2013)
Separazione bancaria: vieni a firmare! (2013)
Pagina organizzativa della campagna per LIP sulla separazione bancaria  (2013)
Flavio Tabanelli intervistato dal Secolo Trentino su separazione bancaria, speculazione e uscita dall’euro (2014)
Riproposta la separazione bancaria mentre Matteo Renzi viene contestato a Medolla (2014)
MoviSol interviene a Mirandola alla serata di presentazione del documentario di denuncia “Mani sulla Sanità: la rivolta” (2017)
Crisi economica o nuovo umanesimo? (2017)
MoviSol al Festival dell’Economia di Trento (2018)
Ai soci della ex Banca Popolare di San Felice: separazione bancaria e rinascita (2018)
MoviSol a Mirandola: Salvini separi le banche (2019)