Afghanistan, vittima di indifferenza depravata o genocidio deliberato?

Qualunque sia l’orribile immagine che la gente ricorda del frenetico ritiro delle truppe americane lo scorso agosto, è emersa una realtà molto più orribile: alla popolazione afgana è stata imposta una punizione, indipendentemente da ogni tendenza politica. Al di là dell’errore di calcolo delle agenzie di intelligence occidentali riguardo al grado di sostegno al governo, c’è il calcolo attuale delle morti per freddo, malattie e fame.

La realtà è che, come minimo, il 55% della popolazione è a “livelli estremi di fame”, secondo l’ultima stima delle Nazioni Unite. E di questi 23 milioni di persone, circa 9 milioni sono a rischio immediato di carestia. L’indifferenza depravata che ha permesso di arrivare a questo stato di cose va di pari passo con la deliberata depravazione di congelare i 9 miliardi di dollari di riserve dell’Afghanistan, che si somma al genocidio di morti senza precedenti in anni di bombardamenti.

Attualmente, gli sfollati afgani nei campi nella regione settentrionale sono ridotti a vendere non solo i propri figli, ma anche i loro reni per sopravvivere. Secondo TOLOnews, si ottengono circa 950-1.425 dollari per bambino e circa 1.425-1.900 dollari per un rene. Il capo della sezione Afghanistan di Action Against Hunger, Mike Bonke, ha riferito su NPR di aver assistito alla perdita di peso corporeo e a “un senso di spossatezza” per la mancanza di calorie. Parlando dal suo ufficio a Kabul, egli ha detto: “In realtà andiamo dalle persone nei villaggi e controlliamo il loro stato di salute. E vediamo persone in questi villaggi che saltano i pasti. Troviamo casi di grave malnutrizione, bambini denutriti che stanno davvero morendo di fame. E questo è orribile”.

In ritardo, i governi occidentali hanno iniziato a darsi da fare per mettere insieme sforzi graduali, con l’obiettivo principale di evitare il governo talebano. Bonke ha chiarito che il problema ora è semplicemente troppo grande per non confrontarsi con l’amministrazione di Kabul. I modesti aumenti degli aiuti non sono assolutamente sufficienti. Gli fa eco la direttrice della ricerca del gruppo End Afghanistan Starvation, Fanny Dellinger, che è in contatto con diverse ONG. Descrive alcuni finanziamenti dell’UNICEF per le cliniche sanitarie della comunità, i cui finanziamenti erano stati tagliati dalla Banca Mondiale; ma la questione dei finanziamenti per gli ospedali pubblici non è stata affrontata, perché significa trattare con il governo e revocare le sanzioni.

Il coinvolgimento del Pakistan con il governo talebano, secondo TOLOnews, include l’invio di professionisti qualificati, tra cui personale medico, informatico, finanziario e contabile. Ci sono notizie non confermate secondo cui i talebani hanno iniziato a pagare ai dipendenti pubblici una parte del loro stipendio (circa il 30-50%). I governi tedesco e olandese stanno lavorando a un programma per pagare alcuni stipendi degli insegnanti, amministrato dall’UNICEF piuttosto che dal governo, ma con l’accordo dei talebani per consentire alle ragazze di frequentare la scuola fino al 12° anno. (Dato che il governo ha già annunciato un programma del genere, che inizierà a marzo, sembra che la “condizione” occidentale abbia più a che fare con la propaganda che con qualsiasi altra cosa.)

Infine, ciò che viene fatto passare per un aiuto, finora, sembra essere il ritiro dall’Afghanistan dei talenti stessi necessari per ricostruire il paese – il che indica chiaramente la mancanza di qualsiasi intenzione di ricostruire. Il direttore di una scuola tecnica a Kabul ha riferito all’EIR dell’enorme fuga di cervelli degli ultimi mesi, e che quasi nessuno dei suoi diplomati è rimasto nel Paese. Un funzionario dell’Emirato Islamico dell’Afghanistan, Wahidullah Hashimi, afferma: “Gli stranieri hanno evacuato intenzionalmente gli afgani, soprattutto quelli istruiti e professionali, per indebolire l’Emirato islamico e minare la nostra amministrazione. Siamo in contatto con alcuni afgani in diverse parti del mondo e li stiamo incoraggiando a tornare in Afghanistan perché abbiamo un disperato bisogno del loro aiuto e delle loro competenze per aiutare il loro popolo e governo”.