Un altro austriaco chiede un Piano Marshall per il Medio Oriente e l’Africa

In vista del vertice dell’UE, Christoph Leitl, presidente della Wirtschaftskammer (WKO), la Confindustria austriaca, ha chiesto un approccio costruttivo da parte dei dirigenti politici europei nei confronti dei molti problemi che l’Europa fronteggia, particolarmente a riguardo dei profughi.

“È evidente”, afferma, “che il problema dei profughi può essere sottoposto a un controllo d’ultima istanza soltanto se a fianco della gestione d’urgenza del flusso migratorio vengono eliminate le sue cause, e cioè tramite una politica di pacificazione nel Medio Oriente e nell’Asia Sudoccidentale, e una sorta di Piano Marshall per l’Africa da parte dell’Europa. Quando un popolo coglie una prospettiva per un futuro in casa propria, non vuole più andarsene”.