Mike Pompeo incontra gli artefici del Russiagate a Londra

Il 21-22 luglio, il segretario di Stato americano Mike Pompeo (nella foto con Bolsonaro) si è recato a Londra e a Copenaghen per raccogliere sostegno alla sua crociata contro la Cina e, nel farlo, ha incontrato coloro che sono dietro il tentativo di colpo di stato contro la presidenza Trump, noto come “Russiagate”. Ciò è emerso chiaramente in un incontro organizzato dalla Henry Jackson Society a Londra, dove ha incontrato venti tra i parlamentari e i pari più anti-Cina della Gran Bretagna, per “esplorare una risposta strategica alla Cina”, secondo un tweet della stessa HJS.
La HJS è il principale centro studi guerrafondaio di Londra, associato a Sir Richard Dearlove, l’ex capo dei servizi segreti britannici, o MI6, che ha diretto la frode di Christopher Steele contro il presidente Donald Trump fin dall’inizio. Dearlove è membro fondatore dell’HJS.
L’incontro si è svolto a porte chiuse, ma tre importanti quotidiani britannici, il Times, il Guardian e il Telegraph, hanno riportato la stessa storia: che Pompeo aveva accusato il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, “di essere stato ‘comprato’ dal governo cinese e che la sua elezione ha provocato morti in Gran Bretagna”. Pompeo, riferiscono, ha affermato di avere una “solida base di intelligence” per quell’accusa, “ma non ha rivelato ulteriori informazioni, secondo diverse fonti presenti alla riunione”.
La velina passata alla stampa continua dicendo che Pompeo ha inoltre indicato di essere “fiducioso” che gli Stati Uniti abbiano condiviso l’intelligence con il Regno Unito su quali funzionari del Partito comunista cinese debbano essere sanzionati per presunte violazioni dei diritti umani contro i musulmani uiguri.
A differenza di Pompeo, che ha incontrato il 20 luglio, il primo ministro britannico Boris Johnson è stato molto più contenuto sulla Cina. Pechino “è un fattore gigantesco di geopolitica, sarà un fattore gigantesco nella nostra vita e nella vita dei nostri figli e nipoti….. Bisogna avere una risposta calibrata e noi saremo duri su alcune cose, ma continueremo a impegnarci”, ha dichiarato Johnson. Quando gli è stato chiesto delle violazioni dei diritti umani contro gli uiguri nello Xinjiang e l’affermazione preferita di Pompeo secondo cui le donne uigure vengono sterilizzate con la forza, Johnson ha risposto che benché siano questioni “profondamente preoccupanti …. Non ho intenzione di essere spinto nella posizione di diventare un sinofobo impulsivo su ogni questione”, ha riferito l’AFP.
L’establishment britannico è diviso su Boris Johnson e i suoi principali collaboratori, Dominic Cummings e Michael Gove. L’intelligence e i conservatori anti-Johnson sono furiosi per l’annuncio del “New Deal” rooseveltiano del Premier e il suo rifiuto di unirsi pienamente alle operazioni del Russiagate e Chinagate