Domenica 11 settembre si tiene il quarto concerto dello Schiller Institute a New York in ricordo delle vittime dell’11 settembre. Il primo si è tenuto il 9 settembre nel Bronx (vedi foto). Come riferisce il sito della diocesi di Brooklyn “una marcia solenne, la messa, ed una rara esecuzione del Requiem di Mozart saranno il tributo per i vigili del fuoco e tutti coloro che hanno perso la vita negli attacchi terroristici di 15 anni fa”. Il memorial “proseguirà nella cattedrale di San Giuseppe, con le messa delle 12, celebrata dal vescovo Nicholas Di Marzio.

Durante la messa, la Fondazione per il Revival della Cultura Classica presenterà un’esecuzione unica del Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart, in onore di tutte le vittime dell’11 settembre. Il Requiem di Mozart, raramente eseguito durante una messa, fu eseguito nel gennaio 1964, nella Cattedrale della Santa Croce di Boston, su richiesta di Jackie Kennedy e in memoria di suo marito, il Presidente John F. Kennedy, assassinato due mesi prima”.

“80 membri del Community Chorus dello Schiller Institute” prosegue l’articolo della diocesi “accompagnati da un’orchestra di 42 esecutori, e dai solisti, eseguiranno il Requiem nel La verdiano (La=432 Hz).

“Il La verdiano consente la massima trasparenza e la fusione tra voce umana e strumenti, e quindi la massima sonorità. Ascoltare il Requiem di Mozart con questa accordatura significa sperimentare il potere trascendente della musica sacra, la vera gloria di Dio e della musica” dichiara Lynn Yen, direttrice della Fondazione per il Revival della Cultura Classica.

I soliti includono Indira Mahajan, soprano; Mary Phillips, mezzosoprano; Everett Suttle, tenore; Philliip Cutlip, baritono; Kevin Thompson, basso.