Lo spirito della Nuova Via della Seta ispira la Francia di Macron, arriverà anche a Roma e Berlino?

Videoconferenza di Helga Zepp-LaRouche

giovedì ore 18

newparadigm.schillerinstitute.com

Nel corso di una visita di tre giorni in Cina, il Presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che con la Nuova Via della Seta la Cina ha “realizzato un sogno”. Ha liberato dalla povertà 700 milioni di cinesi, e in Europa dovremmo fare lo stesso. Il Presidente francese ha sottolineato che l’Iniziativa Belt and Road è di grande beneficio per entrambi.

Con queste parole Macron fa eco ad un appello lanciato da Helga Zepp-LaRouche in una videoconferenza precedente, in cui ha chiesto a tutti i governi europei di diventare parte attiva nei progetti Belt and Road con la Cina, anche per affrontare il livello crescente di povertà in Europa. La signora LaRouche ha sottolineato che, grazie alla politica economica del Presidente cinese Xi Jinping, oggi il livello di povertà in Cina è inferiore a quello europeo. Ha sottolineato che il messaggio di Macron dalla Cina manderà onde d’urto in tutto il mondo, in quanto rappresenta un cambiamento di politica. In particolare, mette sull’avviso Berlino e Bruxelles, che continuano cocciutamente ad opporsi al potenziale di cooperazione economica con la politica “win-win” cinese, che ha il grande vantaggio di ribaltare la dottrina imperiale della geopolitica.

Mentre si intensifica la battaglia negli Stati Uniti per sconfiggere i neoconservatori, con la loro nostalgia isterica per un mondo unipolare ispirato dallo scontro geopolitico con Russia e Cina, la promozione dello spirito della Via della Seta da parte di Macron dimostra che c’è una nuova dinamica che determinerà gli eventi nel mondo. Lo Schiller Institite, e la signora LaRouche personalmente, sono i principali portavoce di questo nuovo paradigma.

Collegati con la videoconferenza di Helga Zepp-LaRouche giovedì alle ore 18 per un aggiornamento su questi sviluppi, determinanti anche per il nostro paese.