Kotegawa: così l’Italia potrà rilanciare l’economia reale con Glass-Steagall

Pubblichiamo la risposta dell’ex direttore esecutivo del FMI in Giappone Daisuke Kotegawa alla seguente domanda di Marco Di Bitonto.

“Può fornire ulteriori dettagli sulla potenziale riorganizzazione fallimentare delle principali banche attraverso il ripristino della legge Glass Steagall? In particolare, come si possono separare con precisione i derivati legati all’economia reale, come gli swap sui tassi d’interesse il cui sottostante è un prestito reale dai derivati speculativi? Dobbiamo separare le mega banche creando banche buone e banche cattive? Come possiamo farlo tecnicamente senza ripercussioni sull’economia reale? Dovremmo nazionalizzare le mega banche?”

Kotegawa: Mi sono occupato della crisi finanziaria in Giappone nel 1997-1998 e all’inizio degli anni 2000 mi sono occupato anche del risanamento dell’economia giapponese. Tra le altre cose, sono stato responsabile della liquidazione della Sanyo Securities e della Yamaichi Securities nel 1997, della parziale nazionalizzazione della Long-Term Credit Bank e della Nippon Credit Bank nel 1998 e della costituzione della Industrial Revitalization Corporation of Japan nel 2003. Più tardi, nel 2008, ho affrontato il crac della Lehman in qualità di rappresentante del governo giapponese presso il Fondo Monetario Internazionale.


Quando la bolla speculativa in Giappone è giunta al culmine alla fine del 1989, i prezzi delle azioni hanno cominciato a scendere nel 1990 e i prezzi dei terreni nel 1991. I crediti in sofferenza sono aumentati tra le banche giapponesi a causa del calo dei prezzi dei terreni che erano stati utilizzati come garanzia dei loro prestiti e che risentivano anche del rallentamento dell’economia.
Il picco della crisi finanziaria in Giappone è stato raggiunto nel 1997. Nell’ottobre 1997, a causa del fallimento della Sanyo Securities, si è verificato il primo default del debito finanziario nel mercato monetario a breve termine, rendendo disfunzionale il mercato monetario. Successivamente fallirono importanti istituzioni finanziarie come la Yamaichi Securities, la Long Term Credit Bank e la Nippon Credit Bank. Yamaichi Securities aveva due milioni di clienti e aveva un’enorme quantità di derivati presso la sua filiale di Londra. Al fine di evitare che il Giappone diventasse l’epicentro della depressione mondiale, tutte le transazioni transfrontaliere detenute da Yamaichi furono riassorbite in modo che il suo fallimento non avesse ripercussioni su altri paesi. Il riassorbimento è stato effettuato durante un fine settimana di tre giorni (una festa nazionale). È stato un lavoro impegnativo, ma ce l’abbiamo fatta.


Le critiche contro l’industria bancaria e l’autorità di vigilanza sono aumentate e alcuni dei miei amici del governo, così come la maggior parte dei membri del consiglio di amministrazione delle banche liquidate, sono stati arrestati e messi in prigione. Alcune persone del Ministero delle Finanze, della Banca del Giappone e delle principali banche private si sono suicidate.
Tuttavia, l’economia mondiale non è stata influenzata negativamente dalla crisi finanziaria in Giappone ed è cresciuta rapidamente per i dieci anni successivi. Anche l’economia giapponese si è ripresa con la crescita dell’economia mondiale. È anche importante notare che le banche giapponesi hanno fermato le transazioni ad alto rischio, compresi i derivati, e l’Agenzia di vigilanza finanziaria ha tenuto d’occhio il trading ad alto rischio delle istituzioni finanziarie in Giappone. Tale atteggiamento e politica hanno reso le istituzioni finanziarie giapponesi le più sane del mondo.




Lo choc di Lehman è stato causato da operazioni ad alto rischio come le cartolarizzazioni, i CDO da parte di banche d’affari principalmente negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Da settembre a ottobre 2008, il governo degli Stati Uniti, senza perseguire i responsabili della crisi finanziaria, non solo ha salvato le grandi banche d’affari con enormi risorse fiscali, ma ha anche salvato grandi aziende manifatturiere come la General Motors. Personaggi del governo degli Stati Uniti come Tim Geithner, il presidente della Fed di New York all’epoca dello choc di Lehman, che divenne presidente della Fed in seguito, e Lawrence Summers, ex ministro del Tesoro, che ci ha chiesto, alla fine degli anni Novanta durante la crisi economica asiatica e la crisi finanziaria in Giappone, ① “l’atterraggio duro” delle istituzioni finanziarie, ② il mantenimento della contabilità mark-to-market e ③ la sistemazione delle vendite allo scoperto, da loro definite “standard globale”, ha buttato via tutti quei principi e ha salvato le banche d’affari. Per quanto riguarda le grandi aziende come GM, mentre le finanze dell’azienda sono state migliorate riducendo i debiti e i dipendenti, c’è stato un grande sacrificio di molti dipendenti che hanno perso il posto di lavoro diventando disoccupati o lavoratori part-time.
Le autorità di regolamentazione britanniche e americane e i dirigenti delle banche non hanno ricevuto alcuna punizione per il loro fallimento. Questo in netto contrasto con i casi dei supervisori del Ministero delle Finanze e dei dirigenti delle istituzioni finanziarie fallite in Giappone, che sono stati severamente puniti. Anche nel caso della crisi economica asiatica della fine degli anni ’90, i ministri incaricati della supervisione delle istituzioni finanziarie sono stati incarcerati.
Avevo insistito sul fatto che, senza stabilire le responsabilità, è impossibile impedire alle istituzioni finanziarie l’azzardo morale ed evitare il ripetersi della crisi finanziaria. Ciò è ben illustrato dal fatto che mentre le istituzioni finanziarie occidentali sono ancora afflitte da una profonda ferita e non è strano che possa ripetersi una grande crisi finanziaria, tra cui la Deutsche Bank, che da anni affronta un buco nelle transazioni in derivati di dimensioni astronomiche e ha dovuto registrare perdite per tre anni consecutivi. La Deutsche Bank ha annunciato nel maggio 2018 che avrebbe tagliato 10.000 dei suoi 96.000 dipendenti entro il 2020, e poi nel luglio 2019 ha nuovamente annunciato che avrebbe licenziato 1,8 milioni di dipendenti entro il 2022.

La tragedia del Covid-19 in Europa, in particolare in Italia e in Spagna, ha origine dal fallimento della politica dopo lo choc di Lehman nei Paesi occidentali. Per potenziare l’economia e salvare le banche d’affari dopo lo choc, le banche centrali hanno fornito al mercato liquidità in eccesso, ma non sono riuscite a stimolare l’economia a causa della mancanza di domanda reale. Di conseguenza, ci sono enormi quantità di liquidità in eccesso sul mercato. Le banche d’affari, soprattutto britanniche e americane, e gli hedge fund da esse sostenuti, hanno attaccato i paesi europei che hanno registrato deficit nei loro bilanci, come Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna, Italia, allo scopo di ottenere un alto rendimento in breve tempo per sfuggire al rischio di insolvenza. Tale attacco ha innescato la politica di austerità fiscale dell’UE, incentrata, tra l’altro, sulla riduzione dei costi dell’assistenza sanitaria che ha portato alla riduzione del numero di posti letto. Ciò che è avvenuto è stato il salvataggio dei banchieri che hanno giocato d’azzardo sul mercato a spese del sistema sanitario per il grande pubblico. 
Paesi come l’Italia sono stati una vera e propria vittima. L’Italia non aveva banche d’affari. Non aveva alcuna responsabilità per lo choc Lehman. La sua economia, tuttavia, ha risentito negativamente della politica di austerità dell’UE e si è gradualmente aggravata. Ci sono stati alcuni errori intenzionali/non intenzionali commessi dalla sua banca centrale guidata da Mario Draghi che ha ricevuto lezioni sbagliate nel suo lavoro alla Goldman Sachs. Travolta dal lungo crollo economico, la UE ha adottato una politica di bail-in incredibilmente sbagliata, che ha sacrificato i depositanti e li ha aiutati a perdere la fiducia nel sistema bancario.
Il mondo è stato governato e destabilizzato dai giocatori d’azzardo nelle banche d’affari, in particolare dopo che il Glass-Steagall Act, che aveva separato le banche d’affari dalle banche commerciali, è stato completamente abolito nel 1999 da Larry Summers. Le banche d’affari hanno privatizzato i profitti, nazionalizzato le perdite e socializzando i rischi.

Si prega di notare che è essenziale che il governo protegga i depositi dei correntisti onesti nelle banche commerciali. Non c’è bisogno di proteggere i giocatori d’azzardo all’interno delle banche d’affari, ma se le banche d’affari sono legalmente collegate alle banche commerciali di un gruppo, il governo non può abbandonare le banche d’affari. Il sistema bancario commerciale deve essere protetto, ma i banchieri d’affari devono essere puniti per le loro attività irregolari ed espulsi dall’industria finanziaria.
Al tempo della crisi asiatica alla fine degli anni ’90, le responsabilità dei banchieri e dei burocrati governativi sono state perseguite penalmente. Questo ha portato un sistema finanziario sano in Asia. Non è stato così negli Stati Uniti e in Europa. Lì i contribuenti sono diventati vittime. Il denaro delle tasse è stato usato per salvare i banchieri e le grandi società come GM, mentre i lavoratori sono stati licenziati. Ora che c’è l’emergenza Coronavirus, i lavoratori soffrono per il sistema sanitario degradato che è il risultato di una politica di austerità.


Che cosa bisogna fare per rilanciare l’economia europea?
Prima di tutto devono essere introdotte strutture che consentano di ripristinare la fiducia nel mercato finanziario, tra cui le misure per consentire ① la cancellazione dei crediti deteriorati, ② ricapitalizzazioni e ③ garanzie sul prestito interbancario, ④ stimolo fiscale.

Subito dopo le autorità di vigilanza dovranno esaminare i bilanci delle banche da parte. Perché? Prima di tutto, le banche non hanno alcun incentivo a rivelare onestamente il patrimonio. Se le banche non volessero collaborare, dovrebbero scattare le accuse penali nei confronti dei dirigenti. In questo modo le preoccupazioni per la salute degli istituti finanziari devono essere spazzate via. “Una vaga incertezza è peggiore di una perdita realizzata”. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario valutare il valore dei crediti in sofferenza (strumenti cartolarizzati, inclusi CDO e SIV), calcolare l’importo richiesto per la cancellazione di NPL, e iniettare, se necessario, una quantità sufficiente di azioni a istituti redditizi. Allo stesso tempo, dovranno essere stabilite le responsabilità.
Solo dopo che sarà stata ripristinata la fiducia nel mercato finanziario, il governo potrà lanciare uno stimolo fiscale. Al momento della crisi economica dopo il crollo della bolla finanziaria, il settore delle famiglie e quello delle imprese soffrono di una sbornia di eccessivi finanziamenti durante il periodo della bolla. Cercano di spremere i loro bilanci rimborsando i prestiti. Se vengono lasciati soli, ciò provocherà una contrazione dell’economia nazionale. È il settore pubblico che deve aumentare la spesa per far emergere l’economia nazionale a causa del deficit. L’attacco del mercato ha reso difficile per i paesi europei fare affidamento su tale politica, allungando il periodo di contrazione economica. I Paesi europei sono rimasti intrappolati nel circolo vizioso della contrazione economica come segue.
1 I vincoli di capitale delle banche causano una stretta creditizia, con conseguente malfunzionamento del meccanismo di trasmissione della politica monetaria e conseguente rallentamento dell’economia.
2 Questo, a sua volta, peggiora le condizioni di business e contribuisce ad aumentare il fallimento delle imprese e il calo dei prezzi degli attivi.
3 Di conseguenza, il valore delle garanzie diminuisce, i costi del credito aumentano e i crediti in sofferenza aumentano.