Commissione internazionale d’inchiesta sulla verità nelle elezioni statunitensi

Lo Schiller Institute indice una “Commissione Internazionale d’Inchiesta sulla Verità nelle Elezioni Statunitensi” per sabato 28 novembre 2020. Giuristi rinomati a livello internazionale riuniti in videoconferenza ascolteranno testimoni americani coinvolti nel processo elettorale per la presidenza degli Stati Uniti d’America, un processo che è oggetto di grandi preoccupazione e attenzione a livello internazionale. Non si tratta di una questione faziosa, poiché parteciperanno sia persone con posizioni politiche favorevoli al Presidente Trump sia persone che gli sono avverse politicamente. Ciò che li unirà è una questione cruciale: la preoccupazione per l’importanza universale della verità nelle elezioni e il bisogno che negli Stati Uniti d’America siano garantite le rigorose norme che la loro Costituzione prescrive.

Questa videoconferenza tratterà sia delle irregolarità nel processo elettorale sia delle note possibilità di carattere informatico di interferire nel processo stesso, e che sono state adoperate in altri Paesi nel recente passato, che avrebbero potuto essere impiegate negli Stati Uniti d’America, per la prima volta in questo anno 2020. I giuristi e il pubblico potranno ascoltare:

1. William Binney, ex direttore tecnico dell’americana National Security Agency.

2. Richard H. Black, ex colonnello, giurista militare ed ex direttore presso il Pentagono del Tribunale Militare Penale (foto).

3. Avvocati coinvolti nelle indagini sui brogli elettorali in Michigan, in Pennsylvania e altri Stati (in attesa di conferme).

La commissione potrebbe decidere se eleggere un Referente per redigere un rapporto d’indagine contenente le proprie osservazioni. Altri relatori saranno:

a. Marino Elsevyf (Repubblica Dominicana): avvocato, membro nel 1995 del Tribunale Internazionale Martin Luther King, assieme a Ramsey Clark, Amelia Boynton Robinson e altri.

b. Simón Levy (Messico), giurista dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), ex sottosegretario al Turismo, ricercatore presso l’Università della California (Berkeley) in intelligenza artificiale.

c. David Meiswinkle (Stati Uniti d’America): avvocato con oltre dieci anni d’esperienza nei casi di brogli elettorali nello stato del New Jersey, presidente/direttore esecutivo della Commissione degli Avvocati per le Indagini sull’11 settembre 2001.

d. Juan Francisco Soto (Argentina): avvocato costituzionale, consulente legale dell’ente bi-nazionale di gestione della diga Yacyretá paraguaiano-argentina.

Alla videoconferenza con la piattaforma Zoom saranno presenti anche i giornalisti interessati. Saranno disponibili le traduzioni in spagnolo e altre lingue. L’evento sarà trasmesso anche in differita, sul canale che lo Schiller Institute ha su YouTube.com.