Il senatore Stefano Candiani nelle sedute del 10 dicembre e del 17 dicembre scorsi ha ripetuto la sua richiesta che con urgenza il Senato discuta la separazione bancaria

Riportiamo qui sotto la videoripresa del suo intervento del 10 dicembre e uno stralcio del suo intervento e della risposta del presidente Pietro Grasso, durante la seconda seduta.

10 dicembre 2015

17 dicembre 2015

CANDIANI (LN-Aut). Signor Presidente, vediamo che ancora una volta non è stata considerata un’emergenza e un’urgenza che i fatti di attualità riportano all’attenzione.

Ci sono disegni di legge, sottoscritti da quasi tutti i Gruppi, che riguardano la separazione bancaria, “incagliati” in Commissione; chiediamo che siano calendarizzati, con la premura e l’avvertenza che ciò avvenga nella prima settimana di lavoro.

Appare poi molto curioso che la stessa mozione di sfiducia presentata nei confronti del ministro Boschi non venga sollecitata; lo facciamo noi, Presidente, e le chiediamo che sia posta all’ordine del giorno della prima seduta del prossimo anno.

PRESIDENTE. Mi scusi, senatore Candiani, per quanto riguarda gli altri disegni di legge “incagliati”, ce ne può dire almeno uno in maniera da rendere concreta la sua proposta di variazione?

CANDIANI (LN-Aut). Sono il disegno di legge per la separazione bancaria, a firma Comaroli, Candiani e altri senatori del Gruppo Lega Nord e Autonomie, nonché gli altri disegni di legge presentati da altri Gruppi.

PDF > Disegno di Legge presentato al Senato da Bitonci, Candiani e altri il 12 giugno 2013