Il compito urgente del nuovo anno: cambiare l’agenda degli Stati Uniti

Lo studio pubblicato dal governo cinese la scorsa settimana dal titolo “Attività spaziali della Cina nel 2016“, una rassegna degli esiti del proprio programma di ricerca ed esame dei piani per i prossimi anni, contiene il seguente passaggio:

“[…] lo scopo insopprimibile dell’umanità e’ di esplorare pacificamente e fare uso dello spazio extraterrestre. Ponendosi su una nuova linea di partenza storica, la Cina è determinata ad accelerare la dinamica di sviluppo della propria industria, e a condurre attivamente gli scambi e le collaborazioni internazionali riguardanti lo spazio, in modo che i risultati ottenuti nelle attività spaziali servano e migliorino il benessere dell’umanità in senso ampio…”

Gli Stati Uniti e la regione transatlantica, al contrario, sguazzano nella crisi economica, ponendo a repentaglio l’umanità tutta, e, inoltre, perseverando negli errori politici che hanno innescato tale crisi.

Nel settore bancario, in particolare, si osserva lo scontro tra la BCE e la nazione italiana a proposito di MPS. La pretesa della BCE di una ricapitalizzazione superiore a quanto previsto negli scorsi mesi non ha certamente incontrato il favore popolare.

L’unica risposta sana a tutto questo sta nell’affossamento del sistema marcescente, a partire da una riorganizzazione finanziaria con la separazione bancaria, per poi dar vita a un sistema bancario come si deve. La priorità dovrà essere l’emissione di credito destinato alle attività produttive e allo sviluppo di volani economici informati da principii scientifici (esplorazione spaziale, fusione nucleare, ecc.).

Un programma del genere, impostato negli Stati Uniti e in Europa, consentirebbe alle economie nazionali di riprendere a far crescere il potenziale demografico relativo e la densità di flusso energetico coinvolta nella produzione fisica di beni.

Lo studio cinese riprende una parte del programma stabilito da Lyndon LaRouche con le “Quattro Leggi”.

Quando, il 3 gennaio, il Congresso si riunirà a Washington D.C. dovrà sentire la pressione per le azioni urgenti, oltre alla conferma di Trump. Dovrà regolarsi in base a un’agenda pensata per offrire un’alternativa alla crisi, alla disperazione e alla rabbia.

“Fate pressione sui vostri rappresentanti affinché venga attuata la separazione bancaria”, ha detto recentemente LaRouche.

“Dobbiamo ricostruire un popolo distrutto dalle azioni della famiglia Bush e di Obama. Ecco il punto”.

“Pensate a come Franklin D. Roosevelt esplorò nuove maniere di avvantaggiare il popolo degli Stati Uniti”, ha continuato, facendo in ultimo notare che FDR e il suo programma furono ostacolati: “abbiamo un’opzione latente, cui possiamo ritornare”.

“Bisogna educare nuovamente. Bisogna usare opportuni strumenti per rendere creativo il popolo… Studiate come fece Roosevelt”.