Cheminade: le elezioni comunali francesi devono essere rinviate

di Jacques Cheminade, presidente di Solidarité et Progrès, ex candidato presidenziale in Francia
La salute pubblica deve venire prima di ogni altra considerazione. Per questo motivo, ritengo sia necessario e giustificato rinviare le elezioni comunali a una data in cui possano svolgersi in condizioni soddisfacenti. Tenerle come ora previsto il 15 e il 22 marzo, in un momento in cui infuria l’epidemia di Coronavirus, non garantirebbe chiaramente tali condizioni. Da un lato, a causa dei rischi di infezione, come in qualsiasi altro evento pubblico, e dall’altro perché i risultati sarebbero necessariamente distorti, sia a livello regionale, poiché l’affluenza alle urne varierebbe a seconda dei centri dell’epidemia, sia a seconda dell’età degli elettori, poiché gli anziani sono più restii ad andare nei luoghi pubblici, a causa del pericolo che il Coronavirus rappresenta per loro. Il principio di uguaglianza sarebbe quindi necessariamente violato.

Ma non possiamo semplicemente rimandare le elezioni. Allo stesso tempo, perché il rinvio abbia senso, occorre lanciare una mobilitazione nazionale sulla salute pubblica. Prima di tutto, dobbiamo adattare il nostro comportamento quotidiano alla gravità della crisi. Il modo in cui molti candidati, soprattutto a Parigi, vanno in giro a stringere la mano e a baciare le guance, dà un esempio deplorevole a un popolo a cui si consiglia di evitare di farlo, per proteggere se stessi e gli altri. Ancora più importante, la produzione e l’acquisto di tamponi per valutare meglio il numero e la localizzazione dei contagiati è una priorità assoluta, così come la ricerca sui vaccini e sulla medicina. Oltre a questo, la sfida è quella di salvare il nostro sistema sanitario e gli ospedali pubblici, dove la dedizione e le competenze del personale sono un esempio per tutti noi.

A un livello più profondo, dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare e di agire. In questo modo, questa epidemia potrebbe sfidarci ad affrontare il virus finanziario del denaro falso e della speculazione che sta distruggendo la struttura stessa della nostra società, sia a livello nazionale che internazionale. L’Unione Europea e l’attuale governo francese hanno dimostrato la loro incapacità di prendere le decisioni necessarie in caso di emergenza. Pertanto, una mobilitazione del popolo è indispensabile per cambiare le regole di un gioco diventato criminale e distruttivo. Per sostenere questa mobilitazione, una Francia mediatrice, ispiratrice, audace, deve esercitare pressioni sui quattro principali leader del mondo e sui membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, per organizzare un vertice d’emergenza e prendere le misure di sicurezza pubblica indispensabili per lanciare una politica economica di sviluppo reciproco, un ordine mondiale vantaggioso per tutti. Questo è il prezzo della pace e della salute nel mondo.

Dobbiamo fare in modo che le nostre elezioni comunali possano svolgersi in un ambiente nazionale e internazionale equo e sereno, permettendo un proficuo scambio tra la base e il vertice, con la partecipazione effettiva di ciascuno al lavoro comune per far sì che tutti i livelli, locale, nazionale, europeo e internazionale, siano parte di una dinamica creativa, piuttosto che rimanere, come purtroppo accade oggi, un agglomerato di egoismi distruttivi. La nostra richiesta di rinvio delle elezioni fa parte del nostro impegno per raggiungere questo obiettivo.
Infine, è ovvio che lo Stato debba coprire tutte le spese sostenute dai candidati, su presentazione dei voucher giustificativi. Un caso di forza maggiore è un caso di forza maggiore.