image

image

Per fermare il MES urge la separazione bancaria (Glass-Steagall)!

A questo punto sarà difficile che il Consiglio Europeo approvi la riforma del Meccanismo di Stabilità (MES) come previsto al vertice del 12-13 dicembre. Fonti di Bruxelles hanno espresso apertura alla possibilità che, su richiesta italiana, la decisione sia rimandata per includerla nel pacchetto complessivo dell’Unione Bancaria nel suo complesso. Staremo a vedere se la […]

Vai all'articolo...

L’isteria sul clima stravolge il mandato della BEI

Il 14 novembre, dopo una lunga riunione del consiglio direttivo e mesi di discussioni tra i governi nazionali, la Banca Europea per gli Investimenti ha preso la decisione di cessare entro la fine del 2021 i finanziamenti ai progetti di produzione energetica da combustibili fossili, comprese le centrali a gas; per proteggere il clima.Rispetto alla […]

Vai all'articolo...

Vitrenko: la scienza dell’economia fisica di LaRouche è la chiave per risolvere i problemi dell’Ucraina e del mondo

Pubblichiamo il discorso di Natalia Vitrenko, leader del Partito Socialista Progressista Ucraino, alla conferenza dello Schiller Institute che si è tenuta a Bad Soden, in Germania, il 16-17 novembre. L’on. Vitrenko ha più volte denunciato il ruolo dell’UE e dell’amministrazione Obama nel golpe neonazista di Euromaidan. E’ questo il vero scandalo ucraino, non quello di […]

Vai all'articolo...

Un governo imposto dall’UE per impedire le elezioni ed imporre una manovra lacrime e sangue

di Liliana Gorini, presidente di MoviSol Il nuovo governo Conte, sostenuto da PD, M5S e LEU, è stato imposto dall’UE per impedire il voto, ed imporre una manovra lacrime e sangue che il governo precedente non avrebbe approvato, e che era già stata bocciata chiaramente dal voto degli italiani alle elezioni europee. Per la quarta […]

Vai all'articolo...

La crisi di governo manovrata dall’UE

La fine del governo italiano è stata decisa all’incontro tra Conte e la Commissaria UE Ursula von der Leyen il 2 agosto. Lo afferma l’analista finanziario Mauro Bottarelli, le cui fonti sono nella City di Londra, in un articolo su Business Insider: “Per molti inquilini delle sale trading londinesi, l’atto finale del governo giallo-verde si […]

Vai all'articolo...

L’industria finanziaria detta la politica dell’UE sul clima

Christian Thimann, ex manager di AXA e consulente della Commissione dell’UE e della BCE, ha rivelato che la politica europea sul clima è stata dettata dall’industria finanziaria. Parlando a una conferenza ospitata dalla House of Finance dell’Università “Goethe” di Francoforte il 7-8 giugno, Thimann ha dichiarato: “Se leggete l’accordo [COP21], improvvisamente all’articolo 2 viene citato […]

Vai all'articolo...

UE: la von der Leyen presenta la sua agenda ambientalista radicale

La priorità assoluta nella politica dell’UE sarà “la tutela del clima”, come ha chiarito abbondantemente la nuova presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen nel suo discorso a Strasburgo il 16 luglio. Facendo eco alla linea dei “fondamentalisti del clima” ha dichiarato che “la nostra sfida più pressante è mantenere sano il nostro pianeta”, […]

Vai all'articolo...

Cooperazione eurasiatica e Libia all’ordine del giorno della visita di Putin a Roma

Con la visita del Presidente russo Vladimir Putin a Roma il 4 luglio Italia e Russia hanno compiuto un passo ulteriore verso il Nuovo Paradigma. Al centro dei colloqui, la crisi libica e la cooperazione economica. Sul primo tema, Putin e il premier Conte hanno chiesto un immediato cessate il fuoco e la ripresa del […]

Vai all'articolo...

La crisi del governo austriaco rientra in un piano più ampio di destabilizzazione

La pubblicazione di un video girato in segreto che mostra il vicecancelliere austriaco Heinz Christian Strache durante un incontro privato, con una bionda presumibilmente russa che si offre di investire denaro illegale in Austria, ha provocato il 18 maggio le dimissioni immediate del leader del Partito della Libertà dal governo. Rilanciato ampiamente da tutti i […]

Vai all'articolo...

L’ex ambasciatore greco Chrysanthoupoulos inchioda la Commissione UE sull’austerità

Il 12 gennaio scorso, l’ex ambasciatore greco Leonidas Chrysanthopoulos inviò una lettera alla Commissione Europea esigendo il risarcimento dei danni per il taglio del 60% della pensione, come conseguenza della politica di austerità imposta dall’UE alla Grecia. La Commissione ha risposto solo l’8 maggio, quattro mesi dopo, quando Chrysanthopoulos ha pubblicato la propria lettera sui […]

Vai all'articolo...

L’ambasciatore Chrysantopoulos: come l’UE viola i trattati e ignora i suoi cittadini

L’ambasciatore Leonidas Chrysantopoulos, ex segretario generale dell’Organizzazione di Cooperazione Economica del Mar Nero, ha deciso di rendere pubblico un suo ricorso alla Commissione Europea per risarcimento danni a seguito del taglio del 60% della pensione come parte della politica di austerità imposta dalla Troika alla Grecia. Come ha spiegato a Movisol, per Chrysantopoulos si tratta […]

Vai all'articolo...

Vaclav Klaus denuncia l’agenda del Club di Roma e la mancanza di democrazia nell’UE

L’ex Presidente della Repubblica Ceca Vaclav Klaus ha accusato l’Unione Europea di essere un sistema corrotto e inefficiente come il Consiglio per la Mutua Assistenza Economica, o COMECON, l’organizzazione guidata dall’Unione Sovietica che decideva delle economie dell’Europa Orientale tra il 1949 ed il 1991. Klaus ha vissuto sotto il comunismo per quarant’anni ed è stato […]

Vai all'articolo...

Del plagio di Greta Thunberg sul clima: come andare spensierati incontro al collasso finanziario

In questa giornata di grande euforia mediatica, nella quale si prosegue il plagio dei giovani che da decenni ormai si compie con massicce dosi di ambientalismo e pregiudizi maltusiani nei programmi scolastici e che ha ricevuto nuovo impulso con la recente investitura della giovane Greta Thunberg da parte di Jean-Claude Juncker, esponente di un’élite che […]

Vai all'articolo...

L’Europa ha bisogno di una visione per l’avvenire!

di Helga Zepp-LaRouche È in corso una rivolta contro Macron, in Francia; il caos sulla Brexit in Inghilterra; la probabile continuazione delle vecchia e fallace politica da parte dei partiti SPD, CDU e CSU, in Germania. Nelle più popolose nazioni dell’Europa i nodi vengono al pettine, dopo anni e anni di politiche neoliberiste. L’Unione Europea, […]

Vai all'articolo...

L’Italia blocca (per ora) lo schema anti-cinese dell’UE

La Commissione UE aveva predisposto uno schema per centralizzare a Bruxelles le decisioni sugli investimenti esteri, formalmente per proteggere gli interessi strategici dell’Europa, ma di fatto rivolto contro la Cina. Il meccanismo prevedendo che Bruxelles sia informata degli investimenti previsti in modo da scrutinarli. Addirittura un Paese membro dell’UE potrebbe chiedere informazioni riguardo a un […]

Vai all'articolo...

L’UE si sbriciola e gli eurocrati sognano l’Impero europeo

In preparazione del vertice dell’UE del 4 dicembre, al quale i Paesi membri si presenteranno divisi come non mai, gli unionisti irriducibili si lanciano in una fuga in avanti nel tentativo di mantenere inalterata la costruzione attuale. Il fantasista Emmanuel Macron ha creato grande subbuglio, poco prima delle celebrazioni per il centenario della fine della […]

Vai all'articolo...

Mentre è in arrivo il crac sistemico, le autorità finanziarie giocano col fuoco

Il Fondo Monetario Internazionale ha appena ammonito nel suo ultimo Economic Outlook che “si prospettano grosse sfide per l’economia globale e per evitare una seconda Grande Depressione”. Il rapporto faceva parte dei preparativi per l’incontro annuale dell’FMI che si è tenuto la scorsa settimana a Bali (vedi https://www.imf.org/en/Publications/WEO/Issues/2018/09/24/world-economic-outlook-october-2018). “È indicativo che l’FMI pronunci la famosa […]

Vai all'articolo...

Lo spirito della Via della Seta e l’Europa delle tre scimmiette

La scorsa settimana abbiamo documentato come Cina e Russia abbiano recentemente rafforzato la cooperazione economica e strategica. Questo processo non sarà disturbato dalla recente decisione del Dipartimento di Stato americano di applicare sanzioni al Dipartimento di Sviluppo dei Macchinari di Pechino e al suo direttore, per l’acquisto di forniture militari russe nel 2017. La Cina […]

Vai all'articolo...

L’UE prepara un altro mega-salvataggio bancario

Mentre le avvisaglie del prossimo crac finanziario globale si fanno sempre più visibili, i leader dell’UE si preparano a salvare le megabanche con nuove gigantesche iniezioni di liquidità. In un discorso tenuto il 19 settembre a Francoforte, il Ministro delle Finance tedesco Olaf Scholz ha sollecitato una rapida conclusione dei negoziati per creare “una sorta […]

Vai all'articolo...

Fallilsce il tentativo UE di lanciare una Maidan africana

Il presidente uscente dello Zimbabwe e candidato del partito Zanu-PF Emmerson Dambudzo Mnangagwa (nella foto con Zuma) ha vinto le elezioni presidenziali con il 50,8% dei voti, battendo il rivale Nelson Chamisa dell’Alleanza MDC, che ha ottenuto il 44,3%. Lo Zanu-PF ha vinto 145 dei 210 seggi all’Assemblea Nazionale, mentre l’Alleanza MDC ne ha vinti […]

Vai all'articolo...

Nel mondo permane l’ambiguità dei due poteri. Gli Stati Uniti si smarcheranno?

Il vertice dei BRICS tenutosi in Sud Africa può utilmente paragonato alla Conferenza di Bandung del 1955, che riunì le nazioni africane e asiatiche per la prima volta senza la presenza delle ex potenze coloniali. La differenza rispetto a quella lontana iniziativa è che i BRICS ora rappresentano non soltanto la maggioranza della popolazione mondiale, […]

Vai all'articolo...

Parlamentare tedesco: l’Italia ha bisogno della separazione bancaria

In un editoriale per EurActiv, il membro del Bundestag tedesco Fabio De Masi (Die Linke), ex membro del Parlamento Europeo, ha respinto le raccomandazioni di Moody’s o BlackRock, sostenendo che sono irrilevanti, in quanto gli italiani non hanno votato per un governo conforme ai mercati come quello tedesco. Gli italiani ne hanno abbastanza della politica […]

Vai all'articolo...

Helga LaRouche: il nuovo governo a Roma è l’opportunità per riorganizzare l’Europa!

Pubblichiamo quasi integralmente l’editoriale di Helga Zepp-LaRouche, presidente di MoviSol tedesco, sul settimanale tedesco Neue Solidaritaet. Non è un caso che le reazioni al nuovo governo in Italia siano più isteriche di quelle che ci furono quando fu eletto Trump. Ci sono due possibilità: guerra finanziaria, suggerita da taluni, e quindi la fine dell’Euro e […]

Vai all'articolo...

Juncker interferisce nuovamente nella campagna elettorale italiana

La crescente divisione interna all’UE su differenti temi è resa manifesta ancora una volta dalle dichiarazioni successive al vertice dei capi di stato e di governo, tenuta il 23 febbraio a Bruxelles, in assenza di Theresa May. Il principale tema all’ordine del giorno era il modo di riempire il buco finanziario determinato dalla Brexit. Le […]

Vai all'articolo...

L’interferenza esterna nelle elezioni italiane viene dall’UE e dagli USA

Mentre la campagna elettorale italiana entra nel vivo, i propagandisti europei e gli ambienti del Deep State negli Stati Uniti d’America interferiscono impunemente lanciando accuse contro i “populisti” della Lega e del M5S. Si tratta delle due formazioni politiche che hanno la separazione bancaria nel loro programma ufficiale, anche se differiscono radicalmente nel resto delle […]

Vai all'articolo...

UE: un europeo su cinque è povero

Uno studio presentato la settimana scorsa dall’Ufficio Statistiche sul Redditi e le Condizioni di Vita di Bruxelles (SILC) per il 2016 indica che il 23,4% della popolazione nell’UE, 117 milioni di persone, vive già in condizioni di povertà o rischia a breve di rientrare in questa categoria. Dal 2008 la percentuale non è diminuita. Anche […]

Vai all'articolo...

La dinamica della Nuova Via della Seta è inarrestabile

Il 18 ottobre, il Presidente cinese Xi Jinping (nella foto, col Segretario di Stato USA Tillerson) ha aperto il XIX Congresso del Partito Comunista Cinese presentando una visione ottimistica del futuro per la Cina e per il mondo, basata sul percorso tracciato per i prossimi trent’anni. Puntando sul significato dell’Iniziativa Belt and Road (la Nuova […]

Vai all'articolo...

Il governo francese e l’UE costretti ad accettare il progetto del Canale Senna-Nordeuropa

Il 3 ottobre il governo di Parigi ha raggiunto un accordo per il finanziamento di uno dei più importanti progetti infrastrutturali della storia europea: un canale navigabile di collegamento tra la regione parigina e la rete di canali dell’Europa Settentrionale. Un po’ di storia “Renderò il porto di Anversa un pistola puntata al cuore dell’Inghilterra”, […]

Vai all'articolo...

L’UE pianifica la soluzione argentina

Nel 2001, nel mezzo della feroce crisi finanziaria argentina, il ministro dell’Economia Domingo Cavallo applicò il famoso “corralito”, e cioè il blocco ai conti correnti, per cercare di fermare la fuga dei depositi causata dalla disastrosa politica economica portata avanti dallo stesso Cavallo (nella foto, una manifestazione contro il corralito). Quella politica economica era molto […]

Vai all'articolo...

Fermiamo il crac con la separazione bancaria

Il LaRouche Political Action Committee si appella al popolo americano affinché si mobiliti per impedire il caos e la devastazione risultanti dall’imminente crac finanziario, principalmente nelle Americhe e in Europa. La misura più urgente è la separazione bancaria e il rilancio del credito produttivo grazie al ripristino del Glass-Stegall Act. A questo dovrà far seguito […]

Vai all'articolo...

Come fu sabotato un lancio precoce della Via della Seta Marittima in Italia

Fonti direttamente coinvolte nei negoziati con le autorità cinesi nel 2010 e nel 2011, hanno riferito all’EIR che quando il Primo Ministro insediato da Bruxelles, Mario Monti, cancellò la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina con motivazioni di bilancio, era quasi concluso un accordo con i cinesi per assicurare i finanziamenti mancanti. Pechino aveva […]

Vai all'articolo...

Russia & India Report: senza i BRICS l’economia mondiale tornerà alla crisi del 1929

In un articolo pubblicato su Russia & India Report dal titolo “Ai BRICS non manca la malta: quello che i detrattori dovrebbero sapere”, l’analista Rakes Krishnan Simha scrive: “La maggior parte delle odierne istituzioni multilaterali non hanno più alcun peso. Il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale, per esempio, furono istituite verso la fine […]

Vai all'articolo...

IL PASSO SUCCESSIVO

Pace e crescita economica!

La Campagna

Editoriali e Video

  • Infrastrutture e corridoi di sviluppo per Mediterraneo, Africa e Asia

    Infrastrutture e corridoi di sviluppo per Mediterraneo, Africa e Asia

  • 1

L’archivio sul vecchio sito

Login Form

scathd.com boxfetish.net extremeclip.net