Del tutto ignorato dai media occidentali, il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato un appello significativo per lo sviluppo dell’energia da fusione nell’aprire il Vertice Global Manufacturing and Industrialization (GMIS) a Ekaterinburg il 9 luglio (Http://en.kremlin.ru/events/president / news / 60961). Putin ha chiesto una “discussione dettagliata e significativa” su quale tipo di sviluppo sostenibile possa garantire “migliori condizioni di vita e occasioni per liberare il potenziale umano” nel futuro per tutta l’umanità. Ha suggerito che per ottenere “aria, acqua e cibo più puliti, che significa anche una migliore qualità di vita e longevità per miliardi di persone sul nostro pianeta, dobbiamo offrire tecnologie radicalmente nuove e impianti più efficienti ed ecologici”. Ciò significa energia di fusione nucleare, che ha descritto come una tecnologia “che riproduce processi e sistemi naturali secondo le leggi della natura” e potrebbe fornire una fonte di energia colossale, inesauribile e sicura.

Tuttavia, ha osservato, per sviluppare l’energia da fusione sono necessarie “un’ampia cooperazione e interazione internazionale” tra governo e imprese, nonché gli sforzi congiunti dei ricercatori di tutto il mondo. “Se lo sviluppo tecnologico diventa veramente globale, non sarà suddiviso o limitato dai tentativi di monopolizzare i progressi, limitare l’accesso all’istruzione e ostacolare il libero scambio di conoscenze e idee”. In tale contesto, Putin ha citato l’International Thermonuclear Experimental Reactor (ITER) come esempio di cooperazione di successo, di cui la Russia è parte attiva.

In altre parti del suo discorso, Vladimir Putin ha polemizzato contro coloro che propongono “oscurantismo” e rifiuto della tecnologia come soluzione. Ha condannato il “rifiuto totale dell’energia nucleare o degli idrocarburi” come “soluzioni appariscenti ma non efficaci” che creano problemi.

Gli appelli a rinunciare al progresso, ha detto, potrebbero significare benessere per pochi eletti, ma allo stesso tempo “milioni di persone dovranno accontentarsi di ciò che hanno oggi o, sarebbe più appropriato dire, non hanno oggi: accesso all’acqua pulita, cibo, istruzione e altre basi della civiltà”. Questo può solo portare a nuovi conflitti, ha aggiunto.

In un classico esempio del suo understatement, ha osservato: “Ovviamente non si può proibire ad alcuno di indossare pellicce animali o di vivere nelle caverne, ma è impossibile e inutile cercare di fermare il progresso umano”.