Nel maggio scorso sembrava che i rapporti tra Austria e Cina avessero raggiunto il punto più basso, quando il Ministro austriaco dei Trasporti annullò all’ultimo momento la sua partecipazione al Forum Belt and Road a Pechino. Da allora, invece, hanno avuto una rapida ripresa, culminando il 10 aprile nella presenza in qualità di relatore del Presidente austriaco Alexander Van der Bellen al Forum di Boao per l’Asia. Il Presidente, il Cancelliere Sebastian Kurz e quattro Ministri hanno visitato la Cina con la più grande delegazione mai inviata, composta da oltre duecento imprenditori, esperti scientifici e rappresentanti del mondo della cultura. Il culmine della visita, come ha sottolineato il ministro dei Trasporti Norbert Hofer, è stata la prima dichiarazione di intenti tra la Cina e un Paese europeo relativa alla realizzazione della Nuova Via della Seta, in particolare il corridoio di trasporti ferroviari dei Balcani che va dal Pireo, in Grecia, fino a Vienna. Gli austriaci sono interessati alla sezione che va da Belgrado a Budapest. In previsione del completamento del corridoio di trasporti dal Pireo a Vienna (che richiede la costruzione di un collegamento tra Belgrado e Atene, attraverso la Macedonia) la Rail Cargo, la sezione mercantile dell’azienda ferroviaria austriaca (OeBB), ha già deciso di trasferire la propria succursale balcanica a Budapest.

In generale, in termini di cooperazione con la Cina, l’Austria si considera il “primo attore” a livello europeo, ha detto Hofer, parlando anche di un accordo sulla ricerca e lo sviluppo congiunto di nuove tecnologie di trasporto per le ferrovie, le strade, i voli aerei e le spedizioni.

A conclusione della loro visita in Cina, il 12 aprile, Van der Bellen, Kurz, Hofer e il direttore dell’OeBB Andreas Matthä hanno partecipato a una cerimonia per la partenza del primo treno che stabilisce un collegamento per il trasporto mercantile diretto da Chengdu a Vienna.

Il Presidente e il Cancelliere austriaco hanno anche partecipato all’inaugurazione di un nuovo ospedale ad Hainan, l’isola e provincia nel Sud-Est della Cina. L’ospedale, che verrà completato entro ottobre, è finanziato dall’Hainan Airlines Group e dall’azienda sanitaria austriaca Vamed.

La cultura è un altro aspetto fondamentale della cooperazione bilaterale. Il 10 aprile è stato siglato un accordo sulla Via della Seta Musicale tra il Gruppo cinese Fosun e il coro delle voci bianche di Vienna (Sängerknaben, nella foto), che prevede numerosi progetti di introduzione alla musica classica in molte città cinesi. I contatti musicali risalgono al 1992, ma dopo un tour di concerti delle voci bianche sulla Via della Seta 10 anni fa, il contributo musicale di Vienna è andato aumentando.