Kesha Rogers (nella foto) ha appena presentato ad Austin (Texas) la propria candidatura nel IX distretto elettorale del Texas. Come indipendente sfiderà il democratico Al Green, una delle personalità a livello nazionale impegnate nel tentativo di sottoporre a impeachment il Presidente Trump. “Non v’è stata alcuna reale svolta economica per le vite di molti cittadini del IX distretto, dalla crisi del 2008. Molti, nel distretto, sono vittime della brutale indigenza, della violenza delle gang e della droga. A livello nazionale, Wall Street ha continuato con le solite politiche che portarono al crac del 2008, mentre a porte chiuse si mormora dell’imminenza di un nuovo collasso finanziario. Continuiamo a soffrire della carenza delle infrastrutture necessarie, tramite la quale abbiamo creato la tragedia imputata all’Uragano Harvey. Non stiamo progettando alcuna visione del futuro, né per la nostra gioventù le necessarie forme di educazione nelle scienze e in altri campi che la dovrebbero accompagnare”.

“In Cina è attiva una prospettiva totalmente differente a riguardo del futuro, avanzata nei termini del grande progetto “Una Cintura, Una Via”, il progetto infrastrutturale più grande che l’umanità abbia mai intrapreso. Assistiamo alla progettazione e alla costruzione di nuove città, di ferrovie ad alta velocità per trasportare persone su lunghe distanze in tempi minimi, di industrie moderne. L’esplorazione spaziale è tra le priorità e – ciò che è più importante – la gente è ottimista pensando al futuro; nuove idee sono oggetto di dibattiti e discussioni appassionate. Questo progetto è stata pensato e sostenuto da Lyndon e Helga Zepp-LaRouche. Il Presidente Trump, che il congressista Green vuole sottoporre a impeachment, sta esplorando il modo tramite il quale gli Stati Uniti possano beneficiare di questo Grande Progetto. La Virginia Occidentale, per esempio, ha appena ricevuto un aiuto di 29 miliardi in ragione di un negoziato tra il Presidente Trump e il Presidente cinese Xi Jinping. Anche il sindaco di Houston è stato in Cina recentemente, alla ricerca di investimenti simili”.

“Annuncio la mia candidatura per il IX distretto del Texas per offrire una guida e soluzioni urgenti ai problemi sentiti non soltanto dai cittadini di questo distretto, ma dalla nazione in generale. Come molti di voi sanno, questa è la medesima ragione delle mie passate campagne e delle loro significative approvazioni in termini elettorali (due primarie per il Congresso e una dura battaglia per il Senato). Mi presentai per difendere il programma spaziale che è stato abbandonato dal Presidente Obama. Difesi la reintroduzione della scienza, delle forme classiche della musica e della cultura, e del principio pedagogico della scoperta nell’educazione della gioventù. Mi impegnai per individuare il modo di creare un nuovo rinascimento dell’umanità e garantire che ciascuno possa avere un lavoro produttivo. A Washington nessuno si occupa, nemmeno da vicino, delle soluzioni delle quali abbiamo bisogno, o – il che è peggio – tutti portano avanti le solite politiche fallimentari della guerra perpetua, dei salvataggi degli speculatori e dello stallo dovuto allo spirito di fazione. Nessuno al Congresso americano, di qualunque partito sia, sta articolando una buona prospettiva per gli Stati Uniti nel mondo”.

“È giunto il momento nel quale qualcuno si faccia avanti e dichiari che gli Stati Uniti devono aderire all’Iniziativa cinese ‘Una Cintura, Una Via’ (Belt end Road Initiative, BRI) e dare impulso a una nuova era di rapidi progressi scientifici e culturali capaci di rimettere al lavoro milioni di persone e di costruire un futuro di cui essere orgogliosi, sin d’ora. Come membro del Congresso mi disporrò soltanto a questa battaglia, a Washington, e ad assicurare che la mia base elettorale possa sentirsi una volta tanto ottimista, mentre crea un futuro migliore. Ecco il motivo del mio annuncio di candidatura, come indipendente nel IX distretto: offrire una voce di sanità mentale e ottimismo per il futuro, sopra alle urla e ai lamenti associati ai trucchi di partito che hanno portato a un indifendibile fallimento per il popolo americano”.