J’Accuse…!

Ritorna all’elenco dei dossier…

Questa lettera è parte di un inserto di quattro pagine pubblicato a pagamento sul Washington Times del 12 marzo.

Il Presidente Barack Obama deve essere sottoposto ad un’immediata procedura di impeachment. Come attesta ciò che segue, durante il suo mandato Obama ha mentito ripetutamente al popolo americano ed al Congresso ed ha sovvertito la Costituzione americana per conto di interessi stranieri – l’asse britannico-saudita – e dei loro alleati. Le sue recenti menzogne sull’Ucraina stanno per trascinare gli Stati Uniti nella terza guerra mondiale. Coloro che razionalizzano e fingono di non vedere la realtà dovranno risponderne di fronte ai posteri.

J’Accuse: se vogliamo sopravvivere, Obama deve essere incriminato subito. L’intero sistema finanziario di Londra e Wall Street è in bancarotta ed è destinato a morire. Di fronte a questa disintegrazione imminente, Londra e Wall Street sono decise a usare Barack Obama per provocare uno scontro militare con Russia e Cina che rischia di degenerare nella terza guerra mondiale, come ben comprende qualsiasi persona sana di mente. È la stessa dinamica dietro alla crisi in Europa centrale. L’unico modo per fermarla è l’impeachment di Obama.

J’Accuse: sotto le mentite spoglie della riforma sanitaria (Obamacare), Obama ha attuato un sistema di razionamento medico modellato sul programma T-4 di Hitler. Obama ha mentito sostenendo che il suo programma avrebbe migliorato la salute di tutti gli americani. Ha detto che non ci sarebbe stato alcun razionamento delle cure e che chi voleva mantenere la propria polizza e il proprio medico avrebbe potuto farlo. Il suo apparato di disinformazione ha attaccato spudoratamente coloro che avevano dimostrato che i tagli apportati dalla commissione IPAB avrebbero finito col negare le necessarie cure mediche agli anziani ed ai malati cronici e gravi.

Ora molti ammettono che ha mentito su tutto e che il suo programma favorisce generosamente le compagnie di assicurazione e Wall Street. Il programma, nelle intenzioni e nella realizzazione, è un crimine che rientra tra quelli passibili di incriminazione al Tribunale di Norimberga, che definì un crimine contro l’umanità la negazione di cure mediche e chirurgiche necessarie.

J’Accuse: Il Presidente Obama ha condotto ed esteso guerre senza l’autorizzazione del Congresso e basandosi sulle menzogne e l’inganno. Nel 2008 Barack Obama condusse la campagna elettorale promettendo di mettere fine alle guerre senza senso di George W. Bush. Invece ha esteso il teatro di guerra utilizzando le stesse tecniche di propaganda e menzogna che aveva utilizzato Dick Cheney. Il 19 marzo 2011 Barack Obama ha mandato le forze armate americane a bombardare la Libia senza l’autorizzazione del Congresso. Il risultato è stato il rovesciamento e l’assassinio di Gheddafi, accompagnato dall’espansione dei jihadisti diretti dai sauditi in tutto il Medio Oriente. Quando è stata attaccata l’ambasciata americana a Bengasi, Obama se n’è andato a dormire e la sua amministrazione ha mentito ripetutamente al Congresso ed al popolo americano a proposito di quell’attacco.

Obama stava per ripetere il suo intervento libico anche in Siria quando un’ondata di proteste negli Stati Uniti e l’intervento della Russia lo hanno costretto a cedere. Lui e i suoi accoliti britannici e sauditi stanno ricalibrando il piano per rilanciarlo senza l’approvazione del Congresso. Questa politica ha incendiato il Medio Oriente creando le basi per guerre permanenti di religione tra sunniti e musulmani sciiti che provocheranno solo un genocidio.

J’Accuse: Obama persevera nella politica dei salvataggi delle banche di Wall Street a spese della capacità produttiva degli Stati Uniti, pur sostenendo di essere contro i ricconi di Wall Street. Ha promesso a Wall Street che bloccherà qualunque iniziativa per il ripristino del Glass-Steagall Act e che ridurrà le spese federali, specialmente nell’assistenza sanitaria e nella previdenza sociale. Nell’agosto 2011, con la legge sul Bilancio, Obama ha usurpato i poteri del Congresso imponendo il cosiddetto sequester, i tagli automatici al bilancio, ed istituendo un super comitato che decidesse le misure di austerità usando la spada di Damocle del sequester. Pur a fronte di una perdita netta di 800mila posti di lavoro e dell’eliminazione di 11 milioni di individui dalla forza lavoro, Obama sostiene che ci troviamo in ripresa economica.

J’Accuse: L’agenda ambientalista di Obama sta causando una riduzione globale della produzione di cibo e l’esaurimento delle forniture idriche a livello nazionale, che costituiscono una minaccia per i livelli di vita, prospettando anche la morte per carestie. Si rifiuta di prendere le misure di emergenza necessarie per risolvere le crisi idrica e alimentare che colpisce la nostra nazione. Mentre gli Stati a occidente del Mississippi sono in condizioni storiche di siccità, Obama smantella i progetti idrici esistenti e rifiuta di finanziarne di nuovi, come il North American Water and Power Alliance. Ed ora che il mondo affronta, dopo alcune generazioni, la più grande penuria di cibo, Obama insiste nel destinare una grande porzione di mais americano alla produzione di biocarburanti.

J’Accuse: Obama minaccia il futuro economico della nazione distruggendo il suo potenziale tecnologico. Ha smantellato i più avanzati programmi di esplorazione spaziale della NASA. Ha tagliato i finanziamenti alla ricerca sulla fusione nucleare. In compenso, ha dirottato i fondi e le risorse del governo verso le tecnologie verdi finanziate dai suoi amici a Wall Street.

J’Accuse: Obama ha usurpato poteri non attribuitigli dalla Costituzione degli Stati Uniti, come se fosse un dittatore. Nel suo Discorso sullo Stato dell’Unione del 28 gennaio 2014, Obama ha annunciato che sugli aspetti rilevanti della sua agenda avrebbe semplicemente superato il vincolo dell’approvazione del Congresso e ha fatto capire che avrebbe governato per decreto.

J’Accuse: Obama ha assunto il potere di ordinare e condurre assassinii, inclusi quelli di cittadini americani, in violazione della Costituzione degli Stati Uniti d’America e del diritto internazionale. Ha mentito dicendo che i droni americani colpiscono soltanto i vertici della dirigenza di Al-Qaeda ed i loro alleati. Le recenti rivelazioni della stampa mostrano che l’amministrazione non ha alcuna idea di chi stia uccidendo, attraverso i cosiddetti “signature strikes” (attacchi all’impronta), ma le uccisioni continuano ad avvenire.

J’Accuse: Obama ha ordinato una sorveglianza generale della popolazione americana in violazione della Costituzione . Mentre mente al popolo americano sull’estensione dei suoi programmi di sorveglianza, Obama mira a far incarcerare coloro che osano esporre le sue violazioni della Costituzione. Le rivelazioni di Edward Snowden mostrano che la privacy degli americani viene compromessa sia dalla NSA sia dalle spie britanniche che collaborano con la NSA, e che questi metodi vengono utilizzati per attaccare sistematicamente gli oppositori politici.

J’Accuse: Obama persegue una politica di scontro nucleare con la Russia e con la Cina, nonostante manchino le cause per un conflitto militare tra gli Stati Uniti e tali nazioni. Cerca lo scontro con la Cina tramite la sua politica asiatica. Ha continuato ed intensificato la politica di accerchiamento della Russia tramite l’espansione della NATO e il dispiegamento di sistemi antimissile in Europa. Questo processo è stato aggravato dall’attuale crisi in Ucraina.

Il 6 marzo 2014 Barack Obama ha emanato un decreto che dichiara che gli Stati Uniti sono in uno stato di emergenza e che devono prendere misure contro la Russia, in difesa di un governo illegittimo imposto all’Ucraina da forze neonaziste. Obama ha mentito sistematicamente sull’intero corso degli eventi in Ucraina: Victoria Nuland ha dettato chi avrebbe dovuto guidare il governo post-golpe. I nazisti autori di questo rovesciamento di regime sono stati definiti combattenti per la libertà dalla propaganda dell’amministrazione Obama.

La tolleranza nei confronti delle menzogne e della politica di Obama non solo ha condotto ad una sistematica sovversione dell’ordine costituzionale, ma ha portato gli Stati Uniti sull’orlo della propria estinzione. Il Congresso ha più paura dei propri finanziatori di Wall Street e dalla macchina propagandistica e di danaro di Obama, che della terza guerra mondiale?

È giunto il momento di agire. Obama va incriminato ora.

Lyndon H. LaRouche, Jr.

crisi_Obama_sguazza

Depressione_Obama