Il quotidiano californiano Alameda Sun pubblica una lettera a favore della separazione bancaria

Il 15 novembre 2018 la testata californiana Alameda Sun ha pubblicato una lettera di Hunter Cobb, accompagnata da una significativa nota introduttiva del suo direttore.

La lettera, che apre la raccolta delle missive dei lettori, si riferisce alla soluzione che affronta le cause profonde dei problemi come la crescita dei fitti, i senzatetto, l’intensificazione del traffico automobilistico, ecc. che sonno stati oggetti di numerose iniziative di voto in contemporanea alle elezioni di metà mandato. La lettera di Mr. Cobb suggerisce che l’apertura del Presidente americano Trump nei confronti della democratica Nancy Pelosi possa costituire un’occasione tempestiva per ripristinare la separazione bancaria e affinché le amministrazioni locali possano tornare a pensare alle infrastrutture, in particolare quelle di respiro nazionale, a partire dal progetto NAWAPA.

“Ora che l’isteria sulle elezioni è finalmente svanita, si spera che le persone possano riflettere sobriamente su alcuni dei problemi davvero pressanti. Per esempio il tema del controllo dei fitti. Qualcuno pensa davvero che l’approvazione o il rifiuto della Misura K o del Comma 10 risolveranno il problema della crescita vertiginosa dei costi delle abitazioni? Forse dovremmo pensare ora ad alcune soluzioni serie al problema alla base di questi aumenti”.

“Per esempio, perché abbiamo permesso che il nostro sistema finanziario fosse trasformato in un casinò di speculazione in derivati? Il denaro di Wall Street, di Londra, delle Isole Cayman e della Cina sta facendo innalzare i fitti. Perché Robert Reich e Elizabeth Warren e altri “paladini” del Glass-Steagall Act, che in questi frangenti dovrebbe essere in vigore, rifiutano istericamente di collaborare con il Presidente Donald Trump, che pure ha parlato di ripristinare tale legge?”

“Ora che i democratici hanno ripreso il controllo della Camera e Trump ha manifestato un’apertura a Nancy Pelosi, è il momento di andare fino in fondo con questa legge!”

“Che cosa dire dei senzatetto, dei tossicodipendenti e del traffico di automobili? Non sono temi locali, in verità. I nostri neo-eletti sindaci e consiglieri comunali hanno bisogno di collaborare con Trump (anche non gradendolo) sulla costruzione delle infrastrutture che mancano nel nostro Paese”.

“Potrebbero cominciare con la richiesta di rilanciare il progetto NAWAPA, la rete idrica dall’Alaska che era stata pianificata negli anni Sessanta, ma non è stata realizzata a causa della morte di Kennedy. Il progetto darebbe lavoro a quattro milioni di americani e canadesi, e sarebbe di ispirazione per un’intera generazione”.

“Pensate a quanti giovani troverebbero in simili imprese uno scopo e un futuro in qualità di operai o ingegneri specializzati. Per quanto mi è dato sapere, non esiste alcuna legge che impedisca a un sindaco di far baccano con il fine di far notare quanto siano necessarie le grandi opere nazionali”.

Hunter Cobb

La nota introduttiva del direttore è la seguente:

“Il Congresso approvò il Glass-Steagall Act nel 1933 rispondendo al crollo in Borsa del 1929. Quella legge vietava la partecipazione delle banche ordinarie alle attività speculative, esponendosi ai rischi di queste. Il Gramm-Leach-Bliley Act abrogò il Glass-Steagall Act poiché i legislatori vedevano nella separazione bancaria una troppo stretta limitazione agli affari delle imprese e delle banche. Il Presidente Donald Trump promise che avrebbe considerato il ripristino del Glass-Steagall Act”.

“Il Genio Militare concepì l’Allenza Nordamericana per l’Acqua e l’Energia [il progetto NAWAPA] negli anni Cinquanta. Il movimento ambientalista vi si oppose. I suoi sostenitori odierni sono, tra gli altri, Lyndon LaRouche e il Presidente Donald Trump – entrambi convinti che il riscaldamento globale sia una frode”.