Helga Zepp-LaRouche chiede che vengano annullate le manovre della NATO “Defender Europe 2020”

Pubblichiamo un comunicato della presidente dello Schiller Institute Helga Zepp-LaRouche. Anche se gli Stati Uniti hanno annunciato l’annullamento della loro partecipazione alle manovre, con 20.000 soldati, le manovre sono tuttora previste. Dopo la Norvegia, anche l’Italia ha annunciato l’annullamento della propria partecipazione per via dell’emergenza Coronavirus, che richiede l’impiego dell’esercito. 

“Dobbiamo fermare le attuali manovre della NATO nell’Europa dell’Est, l’esercitazione militare Defender Europe-2020 che coinvolge quasi 40.000 soldati”, ha dichiarato ieri la fondatrice dello Schiller Institute, Helga Zepp-LaRouche, nel corso della sua consueta webcast settimanale. “Ovviamente, il virus non si fermerà davanti ai militari. E consentire questo tipo di assembramenti da molti paesi, quando c’è una minaccia immediata alla salute della popolazione, non ha senso- Quindi questa manovra della NATO dovrebbe essere annullata”.
Invece di azioni geopolitiche così provocatorie e sconsiderate, la signora LaRouche ha aggiunto, “dovremmo andare nella direzione di mobilitarci per un vertice delle Quattro Potenze come quello proposto da Lyndon LaRouche”, per affrontare le crisi esistenziali che il pianeta si trova ad affrontare. “A volte, quando si è in una vera crisi, solo se si raggiunge un livello di pensiero completamente nuovo, cioè l’idea che tutti i principali paesi del mondo – Stati Uniti, Russia, Cina e India, come minimo; e poi altri paesi possono unirsi a questi paesi – solo se si cambia il livello di pensiero, e il livello di approccio, si può trovare una soluzione”.

“Non possiamo continuare con le politiche che si sono rivelate un fallimento; dobbiamo porvi fine. Non vedo alcun segno che l’establishment europeo sia in grado di farlo a questo punto. Questo significa solo che abbiamo bisogno di una mobilitazione della popolazione, perché questa sta diventando una grave crisi esistenziale per tutti noi, e dobbiamo assumerci la responsabilità di far nascere un nuovo paradigma, un paradigma di cooperazione, e poi potremo risolvere la maggior parte dei problemi. Col tempo, potremo trovare soluzioni a problemi come il Coronavirus. Dobbiamo cambiare il punto di vista degli strati dell’Establishment in Europa e negli Stati Uniti verso la Cina e la Russia, e questa idea che il cambiamento di regime sia permesso con il pretesto di diffondere “la democrazia e i diritti umani” è una delle tante idee imperiali e colonialiste che devono sparire”.

La signora Zepp-LaRouche ha concluso: “Abbiamo bisogno di un modo di pensare completamente nuovo: Siamo tornati ai secoli bui, paragonabili ai secoli bui del XIV secolo, quando la peste nera uccise un terzo della popolazione europea e la gente impazzì! Si vedono già ora i segni di una pazzia simile, e abbiamo bisogno quindi di un approccio completamente diverso, come avvenne nel XV secolo e col Rinascimento in Italia. La gente deve riconoscere che siamo nei secoli bui, e dobbiamo rifiutare tutti i presupposti che hanno portato alla situazione attuale”.