Commemorazione di LaRouche a Sana’a, capitale dello Yemen

Ieri un gruppo di funzionari pubblici dello Yemen e di membri del BRICS Youth Cabinet presieduto da Fouad Al-Ghaffari, amico dello Schiller Institute, hanno tenuto una commemorazione del grande pensatore americano Lyndon LaRouche. La cerimonia ha avuto luogo nella sede dell’Ente per gli Investimenti Generali dello Yemen (YGIA) con l’introduzione del suo vicedirettore, l’ing. Khaled Sharafaddin, e di Shikh Saleh Sail, presidente del partito Al-Tahrir unionista e membro del Consiglio Consultivo Shura del Parlamento yemenita, oltreché dello stesso Al-Ghaffari.

È stato letto anche un messaggio di Hussein Askary, coordinatore per l’Asia Sudoccidentale dello Schiller Institute: “Quando il figlio di Adamo [un essere umano] muore, viene rotta la sua connessione con il mondo, a eccezione di tre legami: una carità continuata, un’utile conoscenza e una buona posterità che preghi per lui/lei” [dagli Hadith di Maometto]. Askary ha così descritto i legami dell’anima di LaRouche con questo mondo e il dominio dell’immortalità: in primo luogo, attraverso il suo movimento internazionale che opera per la costruzione di un mondo migliore; in secondo luogo, attraverso le sue idee scientifiche, economiche e filosofiche che tanto hanno rivoluzionato il mondo e offerto a esso la Nuova Via della Seta, che ora sta evolvendo in un ponte terrestre mondiale; in terzo luogo, attraverso i giovani di tutto il mondo (come quelli riuniti oggi a Sana’a) che LaRouche adottò quali suoi figli, per renderli una posterità che ora prega per lui.

Alcuni manifesti preparati ed esposti per l’occasione hanno illustrato i momenti salienti della vita e dell’opera di Lyndon LaRouche e di sua moglie Helga:

“Commemorazione di Lyndon H. LaRouche, Jr. e manifestazione di solidarietà”

Qui, nella Repubblica dello Yemen, in coerenza con il programma di coordinamento con i BRICS dell’Ente per gli Investimenti Generali dello Yemen, siamo riuniti per commemorare lo scomparso grande pensatore Lyndon LaRouche. Esprimiamo anche le nostre condoglianze alla signora Helga Zepp-LaRouche, presidente dello Schiller Institute, altrimenti nota come la ‘Signora della [Nuova] Via della Seta’. Siamo grati per l’azione di difesa dello Yemen dai triplici atti di aggressione, embargo economico e occupazione. Esprimiamo solidarietà con il movimento politico internazionale fondato da LaRouche in vista dell’esaudimento del suo sogno di costruzione di un ponte terrestre mondiale. Desideriamo il trionfo del suo animo, assieme all’attuazione dei suoi sogni, in molte parti della Terra, sulla base della scienza dell’economia fisica del quale egli è stato pioniere nel nostro tempo.

Desideriamo che la sua immagine sia per sempre associata alla “Operazione Felix per la Ricostruzione dello Yemen” in modo ispirare e vegliare sul suo esito. Lyndon LaRouche ci ha lasciati, ma le sue idee sono immortali”.