Guerra o cooperazione economica internazionale per il mutuo sviluppo? Usciamo dalla NATO!

Il prossimo sabato 18 giugno LaRouchePAC, MoviSol, Solidarité et Progrès, BüSo (Movimento Solidarietà tedesco), Agora Erasmus e Schiller Instituttet terranno manifestazioni in contemporanea negli Stati Uniti; in Germania (Berlino, Dresda, Düsseldorf, Heidelberg e Traunstein); in Francia (Parigi, Nantes, Rennes, Rouen, Lille, Strasbourg, Lione, Montpellier, Tolosa e Bordeaux); in Belgio (Bruxelles) e in Danimarca (Isola di Bornholm) per distribuire la nostra petizione internazionale di fine maggio, che denuncia le provocazioni di guerra della NATO nei confronti della Russia, e chiede ai rispettivi governi di uscirne.

La petizione è stata sottoscritta da migliaia di cittadini francesi, tedeschi, italiani, danesi, svedesi e americani. In Italia la firma più rilevante è stata finora quella della senatrice Lidia Menapace, ex staffetta partigiana.

Chiediamo ai nostri lettori di mobilitarsi nella stessa giornata, per distribuire il volantino predisposto, per raccogliere firme sì, ma soprattutto per sollecitare la cittadinanza intorno al grave pericolo di un conflitto mondiale tra potenze nucleari, pericolo che è indissolubilmente legato alla crisi dovuta all’imposizione fallimentare del modello economico monetarista e liberista.

Sappiamo del poco tempo libero di molti lettori e della difficoltà di improvvisarsi “voci che gridano nel deserto”. Un volantinaggio di una sola ora sarebbe certamente meglio di niente. Contribuirebbe ad analoghe iniziative sul territorio nazionale, oltreché a quelle previste negli altri Paesi. Per l’esperienza delle nostre ultime azioni per strada, d’altra parte, un’ora è sufficiente a incontrare molte persone, data la sete di spiegazioni del disastro e del caos in cui stiamo vivendo.

Chiunque volesse attivarsi è pregato di segnalarci il luogo.
Potremmo anche condividere i problemi logistici che dovessero emergere.

Per scaricare il volantino